lunedì 17 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Venezia surreale per il covid. La basilica di San Marco diventa “faro”

HomePiazza San MarcoVenezia surreale per il covid. La basilica di San Marco diventa "faro"

Di Giorgia Pradolin
E’ un meraviglioso set a luci spente Piazza San Marco. Vuota e immersa nel silenzio, tranne l’eco di qualche passo sui masegni, o lo stridio dei gabbiani.
L’emergenza Covid ha trasformato in deserto l’area marciana, che stamane si mostrava con qualche centimetro d’acqua alta. E proprio dall’alta marea record del 12 novembre 2019 la città ha cambiato volto. Prima lo shock e i danni della mareggiata. Poi lo stop imposto dal virus, le restrizioni che l’hanno resa ‘irraggiungibile’. Nessun brusio delle comitive di turisti, sempre meno persone, meno rumori. Una Venezia quasi spettrale in Piazza San Marco, che solo un paio di mesi fa aveva ospitato l’ultimo show: le riprese di ‘Mission Impossible 7’, con Tom Cruise.
Le luminarie natalizie sono ancora appese, ma le serrande dei negozi sotto le Procuratie

Vecchie sono tutte abbassate; solo qualche gioielleria resiste sotto le Nuove. File di negozi bui, le sedie accatastate all’interno, non mancano le vetrine con il cartello “affittasi”. C’è chi ha chiuso per sempre all’ombra del campanile, come la Pelletteria artistica Pagan, 101 anni di attività. Svuotate le vetrine, oggi ne resta solo l’insegna, storica anche quella. E vuoto è il negozio Venini in piazzetta dei Leoncini, con i suoi vasi artistici in vetro di Murano, quasi un secolo di lavoro prima del Covid. A fianco, anche la Coupole Glass ha alzato bandiera bianca dopo oltre 30 anni di attività. Chiusure, queste, quasi simboliche: anche il vetro di Murano, eccellenza mondiale, è costretto a lasciare la sua vetrina naturale, l’area marciana. Non c’entra solo il virus, ma anche il problema degli affitti alti, non sono più giustificati dai profitti, ridotti quasi a zero.
“Tanti negozi storici, soprattutto qui in Piazza San Marco, hanno chiuso e non riapriranno più – spiega Alberto Nardi, uno dei gioiellieri sotto le Procuratie Nuove – E’ un impoverimento

perché le attività storiche, come altri patrimoni artistici, sono un bene della città. Veder chiudere negozi che erano qui da cinquant’anni non ci lascia indifferenti e penso si debba assolutamente pensare a dei ristori più concreti, che aiutino a superare i prossimi due-tre mesi che rischiano di essere i più difficili”.
“L’evidenza dei fatti – prosegue – è di fronte a noi, la dimostrazione plastica di una situazione drammatica che
ormai perdura da oltre un anno. A differenza di altre città, Venezia ha subito l’alluvione del 12 novembre, e da lì una serie di eventi negativi culminati con la pandemia. La città ha sviluppato una forma economica legata solamente al turismo di massa. E’ stato un grande errore. Andrebbe pensato un nuovo modello – aggiunge Nardi – non essere solo un palcoscenico dove, uso un paradosso, si paga un biglietto per entrare al mattino ed uscire alla sera”.
“Non sento però questo tipo di riflessione in città – conclude il negoziante – e ciò mi preoccupa. Mi pare vi
sia solo una spasmodica attesa a riprendere, a riaprire la stalla ai buoi, al turismo di massa. Ma una città come Venezia non può vivere solo di questo”.
I caffè storici di San Marco, con i tavolini accatastati sotto il campanile, hanno deposto

le armi prima delle chiusure obbligate dalla zona arancione. Senza turismo, inutile aprire per i pochi residenti, che tra l’altro hanno perso l’abitudine di prendere il caffè in Piazza, dove prima del Covid c’erano fiumi di turisti a soffocare la città.
Chiusi Palazzo Ducale, il Correr e la Biblioteca Marciana, l’ultimo ‘rifugio’ di San Marco resta la sua Basilica, che con i mosaici illuminati dal sole risplendeva oggi per pochi fedeli. Le messe si celebrano ogni giorno. “La più bella Piazza del mondo è deserta – spiega Carlo Alberto Tesserin, procuratore di San Marco – carica di storia infinita e di enormi preoccupazione per il domani. Un domani difficilissimo da interpretare perché dobbiamo vincere le due difficoltà enormi di Venezia: l’acqua alta e l’epidemia”.
La basilica diventa così un faro in mezzo ad una Piazza San Marco quasi vuota e deserta, per dare un messaggio:
“Dobbiamo dimostrare che Venezia ha il diritto di essere tutelata – conclude Tesserin – di avere risposta ai suoi problemi. Ma non possiamo presentarci con Piazza di San Marco quasi abbandonata. Questo è il momento di crederci ancora di più”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva