31.8 C
Venezia
domenica 20 Giugno 2021

Ostetricia chiusa, donna partorisce in casa. Zaia chiede chiarimenti

HomeOspedaliOstetricia chiusa, donna partorisce in casa. Zaia chiede chiarimenti

Il sindaco di Pieve di Cadore (Belluno), Antonia Ciotti, ha denunciato il caso di una signora che afferma di essere stata costretta a partorire nella propria abitazione a fine dicembre "per carenze del sistema sanitario locale".

Ostetricia chiusa, donna partorisce in casa. Zaia chiede chiarimenti

Ostetricia chiusa, donna viene indirizzata ad un altro ospedale che però non la accoglie, così va a casa e poco dopo, partorisce.
Il fatto è avvenuto a Pieve di Cadore e il Governatore Zaia ha chiesto accertamenti dopo denuncia del sindaco.

Una relazione per accertare quanto accaduto. Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia vuole vederci chiaro dopo la denuncia in prefettura per interruzione di pubblico servizio del sindaco di Pieve di Cadore (Belluno), Antonia Ciotti, relativa al caso di una signora che afferma di essere stata costretta a partorire nella propria abitazione a fine dicembre “per carenze del sistema sanitario locale”.

“Per fare chiarezza assoluta e definitiva sul questo fatto – annuncia Zaia – ho immediatamente ordinato al direttore generale dell’area sanità e sociale della Regione di attivare il corpo ispettivo affinché possa produrmi al più presto una relazione su quanto realmente accaduto”. Il governatore rileva che “se emergeranno eventuali colpe, i responsabili andranno individuati e puniti”.

Da mesi all’ospedale cadorino sono accolte solo le urgenze, mentre di norma le donne in prossimità del parto sono dirottate a Belluno. “Ma a Belluno le hanno detto che non era ancora il momento – racconta Ciotti – per cui la donna è tornata a casa, dove ha invece partorito”.

Data prima pubblicazione della notizia:

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor