20.4 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Anche la Corte dei Conti indaga sull’uso dei motoscafi ‘blu’ a Venezia

HomeNotizie Venezia e MestreAnche la Corte dei Conti indaga sull'uso dei motoscafi 'blu' a Venezia

motoscafi blu del comune di venezia direttore agostini sale

Il ‘merito’ della scoperta è tutto del Movimento 5 Stelle. Se di abusi si è trattato, il fatto di aver scoperchiato la pentola è dovuto ad un paziente lavoro di monitoraggio e appostamenti dei ‘Grilli di Venezia’.

la lista di quasi 1300 viaggi «sospetti» in sette mesi con i «motoscafi blu» del Comune di Venezia ha scatenato l’interrogazione alla giunta Orsoni del consigliere del Movimento 5 Stelle Gianluigi Placella, provocato l’interrogazione alla Camera dei Deputati, ed ora attirato l’interesse della Corte dei Conti.

Il procuratore regionale Carmine Scarano, sulla base delle notizie uscite in questi giorni con i numeri dettagliati dei viaggi e le accuse, ha aperto ieri un fascicolo di indagine, affidato al viceprocuratore Giancarlo Di Maio.

Il pm contabile dovrà valutare se quei viaggi abbiano sempre avuto finalità istituzionali o se ci sia stato qualche utilizzo fuori dalle regole stabilite. A volte sono i numeri ad attirare la curiosità, ad esempio come quelli del direttore generale del Comune di Venezia, Marco Agostini, che avrebbe usato 154 volte in sette mesi il motoscafo per il tragitto casa – Comune.
L’interessato ha però annunciato querele, affermando che si tratta di polemiche strumentali.

Redazione

[15/03/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.