martedì 25 Gennaio 2022
7.8 C
Venezia

Operazione contro ‘La Mala del Brenta’: 39 arresti

HomeMala del BrentaOperazione contro 'La Mala del Brenta': 39 arresti

Tornano in carcere, nonostante qualcuno abbia 70 anni suonati, alcuni elementi “storici” della Banda Maniero, di quella Mala del Brenta che imperversava a Venezia e in Veneto 40 anni fa, poi smantellata dal pentimento del suo ‘boss’.
Usciti dal carcere dopo aver scontato le condanne degli anni ’90, hanno cercato di tornare a fare il vecchio “mestiere”, quello dello spaccio di droga, delle estorsioni agli operatori turistici, delle intimidazioni. Ma stavolta ad aspettarli c’erano gli investigatori, che li hanno seguiti negli ultimi 5-6 anni e alla fine hanno stroncato il loro tentativo.

Il blitz dei Carabinieri del Ros è andato a segno nella notte con l’esecuzione, a Venezia e in Veneto, di 39 arresti e avvisi di garanzia a un’ottantina di persone.
Nel mirino il gruppo ‘mestrini’ della Mala, quello che aveva in appalto il traffico di droga assieme alle estorsioni in città e terraferma, e che si era reso anche responsabile di una delle più efferate esecuzioni ‘interne’ alla banda, quella dei fratelli Rizzi e Franco Padoan, uccisi il 10 marzo 1990 sull’argine del fiume Brenta a Galta di Vigonovo (Padova).

Tra gli indagati spunta anche il braccio destro e armato di Maniero. Attorno a loro, a partire dal 2015, un gruppo che si è infilato in uno spazio lasciato libero dalle ‘altre mafie’ che da tempo agiscono in Veneto: la ‘ndrangheta, la camorra, la mafia nigeriana. Una convivenza che il procuratore Antimafia di Venezia, Bruno Cherchi, ha definito “pacifica”, dove ognuno si ritaglia il proprio mercato senza disturbare gli altri.

“Sono un po’ invecchiati, è vero – ha commentato il magistrato – ma è vero anche che sono sempre molto pericolosi, con una grande capacità di aggregazione, e una volta usciti dal carcere, di riprendere i rapporti, soprattutto di spaccio e di approvvigionamento di sostanza stupefacente dai paesi sudamericani, e l’attività delittuosa nei confronti dell’ambiente veneziano”.

A conferma della loro pericolosità anche il ritrovamento di armi, anche da guerra, tra cui mitra kalashnikov. Una circostanza che ha fatto anche sospettare che il gruppo avesse in mente di uccidere il boss pentito Felice Maniero. Ma Cherchi ha smentito, ricordando che “Maniero è detenuto, e quindi c’è una difficoltà obiettiva.

Che Maniero, e coloro che hanno collaborato, non fossero particolarmente ‘amati’ è vero, ma non abbiamo elementi concreti per dire che l’obiettivo del gruppo fosse quello. Si occupavano più di business che di ‘riparare’ vecchie ruggini della mala”.

Altro elemento di novità la presenza operativa di donne: “Poiché una volta – ha commentato Cherchi – l’attività era di aggressione, rapine e omicidi, era in genere operata dagli uomini del gruppo. Abbiamo notato invece elementi puntuali in relazione all’impiego di donne, soprattutto per quanto riguarda il riciclaggio e l’intestazione fittizia di beni che provengono dalle attività criminose”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Regione
Notizie dalla Regione. Per contattare la redazione scrivere a: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

Capodanno 2022 a Venezia e divieti: feste private con balli fino al mattino

“La serata continuerà fino alle 4:00”, “festa open bar dopocena”, “Dj set dance, revival, house”: con questi e altri slogan vengono pubblicizzati i vari party di Capodanno in programma nei palazzi e negli hotel di Venezia. Nonostante la “stretta” del Governo che...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Salvi abitanti delle isole: possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base

"Salvi", si fa per dire, gli abitanti delle isole: è possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base fino al 10 febbraio. E' tutt'ora considerata un'eccezione, quindi il nuovo documento parla dei soli motivi di salute e di studio, ma è sicuramente...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott.ssa è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Mauro da Mantova, no vax “untore”, non dà segni di miglioramento

Mauro da Mantova, no vax-"untore", noto per le sue partecipazioni radiofoniche al programma "La Zanzara", ricoverato ormai da 4 giorni in terapia intensiva, non dà segni di miglioramento, le sue condizioni permangono ancora gravissime a causa del Covid. Una decina di giorni...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

“L’attuale modello economico è basato sull’assembramento: la IV ondata ve la siete cercata”. Lettere

"Nessuno ha mai controllato il rispetto delle regole negli alberghi di Venezia"