29.3 C
Venezia
lunedì 26 Luglio 2021

Nigeriano fatto scendere perché senza biglietto denuncia capotreno: dipendente FFSS risponderà in tribunale

HomeAltre NotizieNigeriano fatto scendere perché senza biglietto denuncia capotreno: dipendente FFSS risponderà in tribunale

Nigeriano fatto scendere perché senza biglietto denuncia capotreno: dipendente FFSS risponderà in tribunale

I due interlocutori: il capotreno che faceva il giro dei controlli e un viaggiatore nigeriano.
“Prego biglietto?”, “Non te lo mostro il biglietto…”, “Allora deve pagare la sanzione”, “Non pago la sanzione…”, “Allora deve scendere alla prossima fermata”, “Allora io ti denuncio..”.
Il dialogo è solamente immaginato, ma non si discosterà poi molto dalla realtà dei fatti così come si sono svolti nel treno ‘Feltre – Montebelluna’.

“Al capotreno che si trova alla sbarra per violenza privata solo per aver fatto il proprio lavoro va la mia solidarietà. Non voglio entrare nel merito della vicenda giudiziaria, ma sarà mio compito interpellare Trenitalia e i Ministeri competenti, Viminale e Trasporti in primis. Occorre fare chiarezza e non lasciare da soli dei lavoratori che spesso si trovano in situazioni pericolose”.
Queste le parole del senatore Giovanni Piccoli appena appresa la notizia, lanciata da “Il Gazzettino”, del capotreno trevigiano trascinato in Tribunale.

Il capotreno si trova a doversi difendere dall’accusa, in Tribunale a Belluno, di violenza privata per aver fatto scendere dal treno – nella tratta Feltre – Montebelluna – un uomo nigeriano che si era rifiutato di esibire il biglietto, poi risultato non obliterato.

“Fatti come questi creano sconcerto perché si dà l’impressione che chi fa il proprio dovere non venga tutelato. Penso, al di là del procedimento legale, che la stessa Trenitalia debba non lasciare solo il proprio dipendente e che, più in generale, si studino delle soluzioni per rendere più facile e sicura la vita di chi lavora nelle stazioni e nei treni, dove spesso si creano situazioni di disagio e pericolo”.

“Da parte mia, partendo da questo caso paradossale, chiederò chiarezza a Ministero e Trenitalia. Casi come questi non devono passare inosservati”, conclude Piccoli.

Laura Beggiora

04/12/2016

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

3 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. E’ la frase usata più spesso dagli stranieri in questo paese “t…..allora ti denuncio.” Sono molto più informati di noi Italiani e non vedono l’ora di poterlo fare per trarre profitto.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.