sabato 22 Gennaio 2022
1.9 C
Venezia

Musei Civici chiusi fino ad aprile, l’Associazione Piazza San Marco: “Chi pagherà?”

HomeMusei Civici VeneziaMusei Civici chiusi fino ad aprile, l'Associazione Piazza San Marco: "Chi pagherà?"

Sulla chiusura dei musei civici a Venezia fino ad aprile, a causa dell’emergenza sanitaria, interviene anche l’Associazione Piazza San Marco con una dichiarazione del presidente Claudio Vernier.
(Riceviamo e pubblichiamo)

“Visto che la Venezia insulare abbiamo constatato vivere di monocultura turistica, il chiudere i Musei Civici fino ad aprile implica che l’amministrazione comunale è ben consapevole che sicuramente non ci saranno visitatori e quindi immaginiamo che si farà carico di tutte le spese, le tasse, imposte, affitti di tutte le aziende che sono sul territorio almeno fino a quel momento.
Perché è evidente che se si decide che la città non val la pena sia essa stessa aperta, accogliente e fruibile, si sta dicendo che le attività – che su questo luogo generano ricchezza e lavoro grazie al turismo – non ha alcun senso che stiano aperte. A rigor di logica, non appare necessario quindi per l’amministrazione che queste attività

paghino nulla per servizi e quant’altro di cui non ha senso usufruiscano.
Tanta mancanza di visione e di sensibilità nei confronti della cultura, di cui Venezia è impregnata e custode, ci fa impallidire e ci preoccupa. Chiediamo con forza che questo tipo di decisioni non solo vengano prese in concerto con le tante realtà veneziane ma che si pensi anche alle ricadute che certe decisioni possano avere su tutto il comparto produttivo nel momento in cui vengono esternate.
Si pensa a salvaguardare il bilancio di una Fondazione che fa un sevizio essenziale per la città a discapito di tutto il tessuto produttivo e a danno anche dello Stato, che deve comunque pagare la cassa integrazione:

Venezia non è un’azienda.
Siamo soddisfatti dell’apertura di oggi del vicesindaco Tomaello.
I lavoratori di un museo non sono solo quelli che lo aprono o che ne controllano le sale ma soprattutto quelli che si prendono cura delle collezioni e che proprio in questo momento possono dedicarsi ad una manutenzione più minuziosa del grande patrimonio che essi custodiscono.”

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. … a me pare che qualcuno si preoccupi dei musei solo perché sono in Piazza San Marco, quindi i visitatori poi possono portare i famosi “schei” agli associati di Piazza San Marco. Non ho mi visto questi signori preoccuparsi non tanto dei musei, quanto dei lavoratori, delle loro tutele, del loro contratto di lavoro, del cambio di appalto, del rischio licenziamento, del fatto che mi pare siano stati pure precettati in occasione di uno sciopero per… “motivi di ordine pubblico” (???) …
    Quindi mi pare solo un’invasione di campo tutt’altro che disinteressata.
    Io mi preoccuperei invece di verificare le condizioni magari dei lavoratori di alcun negozi (magari associati…) in Piazza San Marco, , del rispetto di orario e contratti, di diritti, maternità, ferie, permessi per assistenza familiari con disabilità, ecc.
    Mi giungono voci di personale vessato, deriso, sotto pressione se non ricatto, specie se straniero, e magari irregolare, con straordinari non regolari ecc.
    Questa volta devo ammettere che senza turisti, i musei, come tante altre attività, purtroppo non ha senso lasciarli aperti.
    Quanto alla “manutenzione più minuziosa” da effettuare col personale dei musei, non so quante competenze essi possano avere per intervenire su reperti ed opere d’arte: credo che questo lo possano fare prevalentemente restauratori o archeologi.
    Trovo assurdo infine sentire sempre piagnistei di milionari, nonostante ricevano pure soldi di indennizzo da parte dello Stato coi soldi dei cittadini (o meglio, di quelli che pagano tutte le tasse…), mentre chi attende ancora i soldi della cassa integrazione, o chi ,come tanti musicisti che non ce l’hanno (ma a loro viene dato poco risalto perché non si presentano a piangere in Piazza San Marco col Sindaco…), è costretto magari a recarsi al Banco Alimentare…
    A me sembra un’indecenza! Ci vuole coraggio…
    Prof. Fabio Mozzatto – “Veneziano D.O.C.”

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

A Venezia barche solidali (e molti taxi) contro l’obbligo di GP a bordo

A Venezia le barche solidali trasportano gli isolani che non possono salire sui mezzi pubblici. “Aiutiamoci”, e una barca solidale parte dalla Palanca alla Giudecca e attraversa il Canale. Il porto sono le Zattere e i viaggiatori sono persone non vaccinate...

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

“Se John Malkovich non può entrare in albergo senza Pass, com’è entrato in Italia?”. Lettere

Buongiorno ho letto la notizia, oramai su tutti i quotidiani, in merito al blocco dell'ospitalità a Malkovich perché sprovvisto di green pass; ineccepibile e coraggioso comportamento della direzione ma mi chiedo come è entrato in Italia?? Sicuramente con un aereo...

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi Actv: ecco come e quando

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi di trasporto pubblico locale. La comunicazione arriva direttamente dall'Azienda che recepisce il DL del governo sul tema. E dato il rigore della disposizione non è certo il caso di prenderla alla leggera: la sanzione...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

“I televirologi che ci avevano promesso l’immunità col vaccino…”. Lettere

Dal mese di dicembre, televirologi, burocratici della sanità pubblica e chi ha fatto del virus misteriosamente arrivato dalla Cina (e mai isolato) una prolifica professione, stanno cadendo come pere dagli alberi. Gli interessati adoratori del Dio vaccino, si accorgono o fingono...