7 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Addio Raoul Casadei, il Covid si prende anche lui

Homemorti per CovidAddio Raoul Casadei, il Covid si prende anche lui
la notizia dopo la pubblicità

Addio Raoul Casadei, il Covid non perdona neanche l’inventore di uno stile che è un inno alla vita. Tanti i messaggi di cordoglio che hanno cominciato ad arrivare appena si è diffusa la notizia.
“Purtroppo ci lascia una radice della nostra terra: la sua musica, ha stretto nel ballo le persone, ha promosso felicità, divertimento, comunità.. la solarità della nostra terra ha incontrato la sua musica, la sua allegria. Nel ballo, le sue parole incontravano la musica con un’armonia unica, costruivano felicità amore, promuovevano relazioni ed emozioni uniche nel mondo e hanno reso ancora più grande la nostra terra, la Romagna!!! Grazie #RaoulCasadei, la tua musica con le tue parole vivrà per sempre!”: così su Facebook il senatore del Pd Daniele Manca, capogruppo in commissione Bilancio.
Raoul Casadei è l’ultima vittima eccellente del virus che sta mettendo in ginocchio l’Emilia-Romagna.
Lunedì

scattano in tutta l’Emilia-Romagna le misure della zona rossa proprio per cercare di abbattere la curva dei contagi. Che, dopo il record assoluto di casi fatti registrare ieri, continua a crescere in maniera piuttosto preoccupante, sia sul fronte dei nuovi casi, sia su quello dei ricoveri ospedalieri.
Nel giorno in cui il Covid si porta via il romagnolo illustre, il re del liscio, si registrano nelle ultime 24 ore 2.950 nuovi casi e 31 morti, il più giovane dei quali è un uomo di 50 anni della provincia di Parma.
Raoul Casadei è morto all’ospedale di Cesena, aveva 83 anni ed era ricoverato dal 2 marzo.
Il “maestro” come veniva chiamato all’interno della sua famiglia di artisti ma anche fuori, ha trasformato il folklore romagnolo in un genere riconosciuto e apprezzato in ogni angolo d’Italia.
Quella sorta di inno nazionale’, ‘Romagna Mia’, scritto dallo zio, suonata e cantata ovunque come una sigla che contraddistingueva il suo genere, ha definito una carriera all’insegna dell’allegria, della solarità e della genuinità tipica della sua terra.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 15 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente hai già letto nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...
spot

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...
Advertisements

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".