martedì 18 Gennaio 2022
7.5 C
Venezia

Mirano, rapina in sala slot: dipendente minacciata con pistola. Arrestato anche ex della Mala del Brenta

HomearrestiMirano, rapina in sala slot: dipendente minacciata con pistola. Arrestato anche ex della Mala del Brenta

carabinieri mala del brenta rapina sala slot
Mirano, rapina alla sala slot Vlt Imperial: arrestate quattro persone, tra cui un ex della Mala del Brenta uscito dal carcere due anni fa. I ladri avevano minacciato una dipendente con pistola e piede di porco.

I carabinieri della Compagnia di Mestre, quelli della stazione di Mirano in particolare, e quelli della squadra mobile della Questura di Padova, alle prime luci dell’alba, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misure cautelari personali emessa dal Gip del Tribunale di Venezia su richiesta della locale Procura della Repubblica nei confronti di 4 persone, due italiani e due stranieri, responsabili di rapina aggravata perpetrata nel dicembre del 2018 a Mirano.

Il fatto risale alla notte tra il 26 e il 27 dicembre 2018, quando due individui irrompevano con i volti travisati all’interno della sala giochi “Vlt Imperial” di Mirano e minacciavano con una pistola e un piede di porco la dipendente in servizio, impossessandosi di circa 400 euro dal registratore di cassa e da un barattolo utilizzato per contenere le mance, dileguandosi subito dopo.

La prolungata attività d’indagine ha consentito di individuare il quartetto criminale composto dai due italiani, Ivan Giantin, 48 anni, e Giuseppe Mion, 44 anni, e da due giovani stranieri, l’albanese Alban Shera di 23 anni e il tunisino Kheireddine Charfeddine di 29 anni.

I militari hanno scoperto i ruoli ricoperti da ognuno di loro durante le fasi ideative, organizzative ed esecutive della rapina. I due italiani avrebbero ideato il colpo insieme.

Tra gli arresti spicca la figura di Giantin, già appartenente all’organizzaizone criminale “Mala del Brenta”, scarcerato solo due anni fa al termine di 16 anni di detenzione per reati gravissimi. Tra i suoi precedenti criminali c’è l’agguato a colpi di kalashnikov ai carabinieri di Ferrara la notte del 3 marzo 2001 in via Traversagno, e che per fortuna non provocò la morte di nessuno, anche se un militare dell’Arma, in quel conflitto, perse l’uso di un occhio.

Nella rapina, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, Giantin è stato l’organizzatore di mezzi e persone necessari al colpo, oltre ad esserne l’esecutore insieme all’albanese Shera.
Mion invece ha fornito le informazioni necessarie sulla sala slot, dopo aver svolto dei sopralluoghi, e ha fatto da “staffetta” e “palo” ai complici.

I due italiani e l’albanese Shera sono stati accompagnati nella casa circondariale di Padova sulla base delle esigenze cautelari espresse dal Gip in relazione alla gravità del reato commesso, all’uso dell’arma durante l’esecuzione e ai loro precedenti penali. Il tunisino è stato posto agli arresti domiciliari in quanto incensurato e avendo offerto contributo minore alla rapina, essendo rimasto fuori dalla slot e avendo guidato la macchina per la staffetta.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

Malore improvviso: muore a 52 anni mentre parla col collega

Malore improvviso mentre parla con un collega. Una circostanza apparentemente inoffensiva e priva di pericoli che però, in questo caso, non ha egualmente lasciato scampo alla vittima. Luca Cogno aveva 52 anni e venerdì mattina si è sentito male mentre stava conversando...

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Pipì in calle e bottiglie di vetro vicino a un monumento: multa e daspo per 4 giovani

Multa e daspo per quattro giovani in campo Santa Margherita a Venezia per comportamenti che violavano il Regolamento di Polizia urbana.

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...