pubblicità
pubblicità
9.5 C
Venezia
martedì 13 Aprile 2021
HomeVenezia che Resiste'Mille e Una Nota', a San Polo l'ultimo negozio di strumenti musicali di Venezia grazie a Ombretta e Ciro

‘Mille e Una Nota’, a San Polo l’ultimo negozio di strumenti musicali di Venezia grazie a Ombretta e Ciro

'Mille e Una Nota', a San Polo l'ultimo negozio di strumenti musicali di Venezia grazie a Ombretta e Ciro
Da qualche tempo anche il sestiere di San Polo sembra essersi arreso al turismo di massa a Venezia. Dopo la chiusura dei negozi storici, l’area si è velocemente trasformata in un grande, unico mercato per gitanti, dove a fare da padroni sono il cibo da asporto, gli abiti low-cost e – ovviamente – i souvenir che si ripetono sempre uguali sotto i fari abbaglianti delle vetrine.

Chi ha scelto di non cambiare è “Mille e una nota”, l’ultimo negozio per musicisti del Centro Storico in Calle de Mezo fin dal 1972. I mobili in legno, l’illuminazione tenue e gli strumenti in mostra rappresentano uno dei pochi frammenti della San Polo di una volta a resistere tra magneti, luci alogene e cartelli fosforescenti.

“Da quando abbiamo rilevato nel 1997, tutti i negozi della zona sono cambiati” commenta Ciro, gestore dell’attività insieme alla moglie Ombretta: salernitano lui, veneziana lei, accomunati dalle passioni per la musica e per la Laguna. “Mio marito ama Venezia per la tranquillità e per i ritmi umani che la contraddistinguono – prosegue Ombretta – qui vivere è bello: ci si muove a piedi, ci si ferma per una parola, per un caffè. Amiamo servire i Veneziani per quel rapporto di fiducia che si crea e si consolida nel tempo: tra studenti del conservatorio, professionisti e appassionati, i locali costituiscono il 70% del nostro fatturato”.

ultimo negozio strumenti musicali venezia san polo nostra 640440

Oltre alle chitarre e agli strumenti esposti, “Mille e una nota” è ben fornito anche di spartiti: “l’Italia ha un patrimonio artistico e culturale del quale spesso non siamo nemmeno consapevoli – continua Ombretta – ma che nel mondo è studiato e amato da milioni di persone: dall’Asia arrivano cantanti liriche che tramite i libretti delle opere hanno addirittura imparato l’italiano. Senza di noi non saprebbero dove andare: da quando ha chiuso Zaggia a San Provolo (purtroppo, n.d.r.) siamo rimasti gli unici a rivolgerci a questo pubblico.”

“Abbiamo un’idea romantica del turismo – aggiunge Ciro – alla ‘Camera con vista’ o ‘Tempo d’estate’ con Rossano Brazzi, ma la realtà è ben diversa: la classe media e il pubblico raffinato si stanno ormai estinguendo”. Gli fa eco la moglie: “i crocieristi e i grandi numeri non portano benefici al nostro negozio, anzi, i picchi avvengono in occasione degli eventi culturali. Abbiamo scelto di non riempirci di paccottiglia: ogni articolo che vendiamo è uno strumento reale e che in qualche modo suona”.

ombretta incarta acquisto negozio strumenti musicali san polo nostra boxEntrano due ragazzi orientali, interessati ad un’armonica che hanno visto in vetrina: con un apposito soffietto, Ombretta ne fa sentire il suono. La comprano, vogliono un pacchettino regalo.

“Noi puntiamo al made in Italy e alla qualità – continua la titolare – abbiamo commissionato alla britannica Timber Tones una serie di plettri in legno con i simboli di Venezia che sono in vendita solo qui. Assieme alle ocarine e agli strumenti artigianali è questa l’oggettistica che ci piace diffondere nel mondo.”

“Ogni anno è sempre più difficile – ammette Ciro – la prima flessione è avvenuta con l’Euro e la conseguente diminuzione del potere d’acquisto; con l’apertura di Calatrava, poi, i flussi sono cambiati e molti potenziali clienti vengono trascinati dalla massa che percorre la Strada Nuova. Ma l’allarme principale riguarda lo spopolamento di Venezia: in città ci sono pochi giovani e i residenti superstiti hanno un’età sempre più elevata. La circostanza ci mette davanti a un orizzonte ristretto: in passato potevamo stilare piani a lungo termine, oggi siamo costretti a valutare la situazione di anno in anno”.

“Facciamo il nostro meglio per resistere – conclude Ombretta –promuovendo la città e la sua cultura. D’altronde è questa la Venezia che ci piace, lenta e a misura d’uomo, che vogliamo vivere e continuare a condividere con residenti e visitatori”.

Nino Baldan

'Mille e Una Nota', a San Polo l'ultimo negozio di strumenti musicali di Venezia grazie a Ombretta e Ciro
‘Mille e Una Nota’, a San Polo l’ultimo negozio di strumenti musicali di Venezia grazie a Ombretta e Ciro

Data prima pubblicazione della notizia:

3 persone hanno commentato

  1. Bellissimo fa onore a Venezia e ai Veneziani…..spero con il cuore riescano a resistere ….negozi così cosolidano rapporti straordinari fra i veneziani

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

notizie della settimana di Venezia dopo la pubblicità
spot
notizie della settimana di Venezia dopo la pubblicità
sponsor
spot