7 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Mestre, risse e violenze: nei numeri del Suem 118 la verità dell’aumento

HomeStrade violenteMestre, risse e violenze: nei numeri del Suem 118 la verità dell'aumento
la notizia dopo la pubblicità

Incidente stradale Pramaggiore, morta bambina di cinque anni e una donna
Le generalizzazioni sommarie spesso non aiutano a comprendere un problema, rischiano di concentrare l’attenzione su specifici aspetti, lasciando sommersa la complessità che quel problema esprime.

La premessa riguarda le aggressioni, le risse, gli episodi di violenza che Mestre vive con maggior frequenza in alcune zone specifiche, che ricalcano puntualmente la cronaca quotidiana. E insieme la lettura corretta della vulnerabilità dei giovani, la prevenzione e l’accoglimento responsabile dei comportamenti che li riguardano.

Sono le circostanze estreme che inducono i cittadini a chiamare il Suem, il Servizio Sanitario di Urgenza e Emergenza Medica attraverso la chiamata al 118.

I dati relativi agli interventi delle ambulanze rilevano un aumento significativo degli interventi in dodici mesi: dai 290 del 2016 ai 329 di oggi, con una preminenza nei mesi estìvi e l’indicazione della zona Stazione – Via Piave, dove sono accaduti fatti particolarmente violenti, come l’accoltellamento recente del senegalese quarantenne Dembel Gadiaga, per mano del tunisino Khalil Ghrissi, vent’anni.

I residenti di via Piave, hanno cercato di attivarsi in questi anni per incentivare attività e iniziative per rivitalizzare la zona, per aprirla a iniziative culturali capaci di coinvolgere i giovani e la residenza, per restituire una vivibilità sostenibile a quella lunga strada che dalla Stazione conduce al centro della città. Gli abitanti di Via Piave hanno ripetutamente sollevato il problema della sicurezza che nella zona, anche a causa di episodi di spaccio e degli effetti del consumo di droga, creano un preoccupante malessere sociale in un tessuto ambientale fragile e a prevedibile rischio. Le forze dell’ordine hanno rinforzato la presenza e i controlli, soprattutto riguardo la criminalità e l’interferenza di soggetti estranei alla città.

Piazzetta Olivotti e la zona circostante richiamano giovani disagiati, spesso alcolizzati, si riuniscono e si ritrovano, talvolta specchiandosi nella reciproca sofferenza. Molti di loro si sentono male, il Suem accorre, li trasporta al Pronto soccorso, spesso sono giovanissimi e bisognosi di cura, ci vorrebbero interventi mirati ad accogliere e rimuovere questo disagio che trova espressione , talvolta tragica, nei gruppi di simili, nei quali si riconoscono.

Il Suem svolge un prezioso lavoro per l’intervento di emergenza, ma poi bisognerebbe entrare più a fondo sulle ragioni del disagio giovanile, sulla vulnerabilità di queste esistenze, spesso vittime di quel mondo adulto spregiudicato dello spaccio, ma anche provate da difficoltà familiari, problemi di disoccupazione e di relazioni sociali che sfociano sull’incapacità di affrontare la vita e le sue difficoltà.

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."