Centro massaggi con squillo cinesi in via Zanotto, Mestre

VENEZIA/MESTRE: CHIUSURA ESERCIZIO PUBBLICO: IL QUESTORE SOSPENDE PER 15 GIORNI L’ATTIVITA DELL’ESERCIZIO PUBBLICO “BAR ROSA”.

I poliziotti del Commissariato di Mestre, unitamente ai colleghi della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale, hanno dato esecuzione al decreto del Questore, con cui si sospende per 15 giorni, l’attività di somministrazione di alimenti e bevande dell’esercizio “BAR ROSA” di via Castellana n. 25/D a Mestre.

Il provvedimento deriva da una lunga serie di controlli effettuati all’interno del locale durante gli ultimi due mesi che sono culminati con l’attività di controllo, compiuta dalla Polizia lo scorso 26 ottobre.

In tale data infatti, i poliziotti del Commissariato di Mestre, unitamente al personale del Reparto Prevenzione Crimine “Veneto” e Reparto Cinofili di Padova hanno proceduto, all’interno del locale, all’identificazione di tre cittadini italiani e un tunisino rispettivamente, uno di anni 27 con precedenti penali per furto aggravato, invasione di edifici e spesa di banconote false, uno di anni 79, con precedenti per lesioni personali, uno di anni 69 con pregiudizi di polizia per omicidio colposo e l’ultimo di anni 29 gravato da pregiudizi per rissa e furto aggravato.

Nel corso dello stesso controllo sono stati rinvenuti e posti sotto sequestro, due involucri di cellophane contenenti sostanza stupefacente “hascisc” per un totale di 7.1 grammi verosimilmente destinati all’attività di spaccio.

L’intensa ed operosa attività di sorveglianza ed identificazione delle persone frequentatrici del locale, iniziata alcuni mesi fa ha portato anche alla identificazione di minorenni con pregiudizi di polizia e molteplici cittadini italiani e stranieri con gravi precedenti penali per reati di minaccia, rissa, rapina, lesioni, reati in materia di stupefacenti e immigrazione.

Per questi motivi, considerato che il locale era diventando luogo di frequentazione costante, di persone colpite da precedenti penali e pregiudizi di polizia il Questore ha adottato il provvedimento di sospensione dell’attività del pubblico esercizio ai sensi dell’Art.100 del T.U.L.P.S. in quanto ritenuto indispensabile eliminare in via preventiva future possibili fonti di pericolo, ai fini della sicurezza pubblica.

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here