2.8 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Medici rianimatori tedeschi: “Siamo allo stremo”. L’intervista

Homericoveri CovidMedici rianimatori tedeschi: "Siamo allo stremo". L'intervista
la notizia dopo la pubblicità

Medici rianimatori tedeschi: “Non ce la facciamo più”.
Sono i medici di terapia intensiva della Germania che ora rompono gli indugi e chiedono il vaccino anti Covid obbligatorio per tutti gli over 18.
Si tratta di una strada senza “alternative” di fronte alla quarta ondata pandemica, che sta investendo il Paese, mettendo il sistema sanitario sotto forte pressione.

Gernot Marx, presidente del DIVI (Unione tedesca interdisciplinare di Medicina intensiva e d’urgenza), in un’intervista all’ANSA, afferma che, se non si stopperà la crescita dei contagi, il solido sistema sanitario tedesco scivolerà in un stato emergenziale e dovrà adottare modalità di lavoro “in un certo senso da catastrofe”.

“Siamo sempre stati a favore del vaccino volontario, nella speranza che un numero sufficiente di persone lo facesse come accaduto in altri Paesi. Ma non funziona”, ha spiegato Marx, nel giorno in cui il Paese ha superato le 100 mila vittime mentre i vaccinati con doppia dose restano al 68,2%.

“Dobbiamo introdurre l’obbligo, per evitare che vi sia l’anno prossimo la quinta ondata. È importante per proteggere i pazienti e per evitare che i nostri team siano completamente sopraffatti. Ogni anno dobbiamo poter curare 2 milioni di persone, anche senza la pandemia”.

“Attualmente – ha sottolineato – ci sono 3.987 pazienti con Covid nelle nostre terapie intensive. C’è una curva che sale da settimane e continua a impennarsi, un enorme numero di nuove infezioni ogni giorno: un contesto drammatico. Siamo nel pieno di una dinamica acuta, che finora non abbiamo potuto fermare. In alcuni regioni, come Turingia, Sassonia e Baviera, ci sono strutture sanitarie già sovraccariche e decine di pazienti che devono esser trasferiti. La situazione è particolarmente difficile”.

Pesa anche la riduzione dei posti nelle rianimazioni: “Al momento la Germania dispone di circa 22.000 posti di terapia intensiva, 2.395 dei quali liberi. Sono 4 mila in meno i un anno fa a causa della carenza di personale: gli operatori lavorano da 22 mesi in condizioni di stress fuori dall’ordinario e in tanti hanno lasciato il posto o ridotto l’orario”.

Il problema, chiarisce, non è tanto nei turni da garantire ma proprio nel tipo di prestazione: “Si seguono continuamente casi gravissimi, abbiamo perduto molti pazienti. Una situazione fisicamente e psicologicamente molto pesante”.

In terapia intensiva si lavora “come non era mai avvenuto prima”. Secondo le stime del Divi, tre quarti dei pazienti sopra i 60 anni non è vaccinato, ma c’è una quota di persone coperte dal vaccino, che viene comunque colpita.
“Problematiche sono la fascia degli ottantenni, che non hanno avuto ancora il booster e quella dei 60enni indeboliti da altre malattie. Un 35% di pazienti in terapia intensiva ha poi meno di 60 anni e in genere si tratta di non vaccinati”.

A proposito del rischio paventato in Sassonia dagli ospedalieri di dover ricorrere a triage selettivi, Marx risponde: “Non credo che si arriverà a dover scegliere chi curare e chi no, la Germania ha un sistema sanitario molto buono, dalle grandi capacità. Ma se la corsa dei contagi non verrà fermata, rischiamo uno stato di emergenza: non si potranno fare interventi, per liberare personale”. E “non avremo abbastanza personale da coinvolgere nei campi di alta criticità. In un certo senso entreremo in un modus operandi da catastrofe”. Quando gli si chiede se sarebbe opportuno un lockdown immediato, mette le mani avanti: “Non siamo noi a dover stabilire le misure politicamente più giuste ma servono regole coerenti, che portino a meno infezioni”.

continua a leggere dopo la pubblicità

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Mario Nascimbeni
Giornalista professionista, collabora ed ha collaborato con grandi testate nazionali. Ha base operativa a Roma, ma la sua professione lo porta in ogni parte del mondo come inviato o per reportage personali.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Amira Willighagen: il video della bambina di 9 anni che fa sbiancare i giudici di Holland got talent

Amira Willighagen è una bambina olandese assolutamente normale, se non fosse per il fatto che ha un dono eccezionale, e il video qui sotto lo sta a dimostrare. Per lei si sono scomodati i più famori critici internazionali, e c'è chi addirittura...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Turisti riducono Piazza San Marco pizzeria a cielo aperto: da oggi non pagherò più le tasse

Il prof. Tamborini denuncia che la Polizia Municipale è intervenuta solo dopo molte insistenze e quando ormai non c'era più niente da rilevare. Oltre al fatto che ormai non viene praticamente sanzionato più nulla (neanche agli abusivi), perchè un cittadino deve...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...