mercoledì 26 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Lo spritz in compagnia (virtuale) di Venessia.com: il brindisi per il 25 aprile

HomeVivere a VeneziaLo spritz in compagnia (virtuale) di Venessia.com: il brindisi per il 25 aprile

Lo spritz in compagnia (virtuale) di Venessia.com: il brindisi per il 25 aprile

Uno spritz “virtuale” per sentirsi vicini anche durante il lockdown. È questa l’iniziativa messa in campo da Venessia.com per il 25 aprile, data che per i Veneziani non significa solo Festa della Liberazione ma anche e soprattutto San Marco, patrono della città e simbolo di un intero territorio.

Ad “alzare i calici”, seppur a distanza, sono stati gli aderenti e i simpatizzanti del gruppo: “tutti gli anni ci siamo sempre riuniti – commenta Matteo Secchi, presidente e portavoce dell’associazione – qualche volta andando in Piazza, qualche altra pranzando assieme. Perché i social sono belli, per carità, ma il fine ultimo è sempre quello di vederci di persona”.

Uno spritz che nonostante le restrizioni ha riunito alle 12:00 cinquanta famiglie: il loro “brindisi”, seppur virtuale, ha riunito anche gli iscritti residenti all’estero: “Parigi, Londra, Barcellona, Marbella ma anche Florida e California, distanti ma vicini – continua Secchi – affinché i Veneziani, ovunque si trovino, non perdano in questo momento difficile l’ottimismo e la voglia di stare assieme. Abbiamo raccolto cinquantotto foto che abbiamo già pubblicato nella nostra pagina”.

Un’iniziativa piena di speranza e buoni auspici per Venezia, che ai tempi del coronavirus sta attraversando uno dei periodi più bui della sua storia.

Oltre ai contagi, ai malati e alle vittime la città fa i conti con le inevitabili ripercussioni economiche: l’azzeramento delle presenze ha messo in ginocchio una filiera turistica già martoriata dalle acque alte record di novembre.

“Noi vogliamo che i turisti tornino, e torneranno – conclude Secchi – Venezia è unica, conosciuta in tutto il mondo, e per ripartire non ha bisogno di promozioni. Lavoro nel settore da moltissimo tempo, e tutti dicono sul web che non vedono l’ora di ritornare; l’unica cosa che mi auguro è che non siano troppi e tutti nello stesso momento”.

locandina venessia com spritz virtuale

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Nino Baldan
Nino Baldan è laureato in tecniche artistiche e dello spettacolo. Blogger e autore, è profondo conoscitore delle realtà storiche veneziane.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...

Capodanno 2022 a Venezia e divieti: feste private con balli fino al mattino

“La serata continuerà fino alle 4:00”, “festa open bar dopocena”, “Dj set dance, revival, house”: con questi e altri slogan vengono pubblicizzati i vari party di Capodanno in programma nei palazzi e negli hotel di Venezia. Nonostante la “stretta” del Governo che...

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Ore 12, settanta persone al Pala Expo si alzano in piedi e si mettono a cantare: è il coro della Fenice che ringrazia il...

Come in un flash mob, bello perché sorprende ed emoziona. Improvvisamente e inaspettatamente 70 persone, che parevano in attesa del proprio turno, a mezzogiorno si sono alzate in piedi e si sono esibite per mezz'ora a sorpresa, in mezzo allo stupore degli...