mercoledì 19 Gennaio 2022
7.6 C
Venezia

Littizzetto chiede scusa a Murano? Il dubbio della satira

Homevetro di MuranoLittizzetto chiede scusa a Murano? Il dubbio della satira

Littizzetto chiede scusa a Murano? Il dubbio c’è ed è nascosto nella satira, quella che contraddistingue da sempre la comica e con la quale è tornata sull’argomento dopo la polemica per le battute sui “cigni e gatti storti” di Murano.
“Ogni volta che parlo faccio incaz… qualcuno” ha detto Luciana Littizzetto, riferendosi alla reazione del sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, e nonostante l’intento di ieri, cioè evidenziare la situazione economica tragica dell’isola, le sue parole non si possono definire propriamente “scuse”, almeno nel senso stretto del termine.

Domenica 7 febbraio 2021, al programma ‘Che Tempo Che fa’ Luciana Littizzetto è tornata sulle battute della settimana prima, spiegando che “La fessitudine dei comici a volte serve, scoperchia situazioni che non si conoscono”.
Durante la puntata di ieri, parlando con Fabio Fazio, ha detto: “Questa settimana credevo di far incaz… quelli dei vaccini, dei Pfitzer e invece si è incaz… “Brugni” (Brugnaro, ndr) il sindaco di Venezia”. E ricordando al presentatore la battuta della settimana scorsa, ammette: “Tra l’altro ho sbagliato, perché ho detto Murano, Burano e Torcello, ma a Burano fanno i merletti… a Torcello non ho capito che cosa fanno, è bellissima ma cosa

fanno, i dolcetti?”.
Sempre parlando con il presentatore la Littizzetto rivela: “Venezia è la mia città del cuore, è patrimonio dell’umanità”.
Na onta e na ponta (un’unta e una puntura, ndr) come si usa dire in veneziano.
“Per curiosità, mi sono chiesta perché si sono incaz… così tanto – continua Littizzetto rivolgendosi a Brugnaro e ai veneziani – sono andata a vedere la situazione di Murano e ho capito perché, purtroppo è una situazione allucinante: molte delle fornaci sono spente, molte vetrerie sono ferme. Perché c’è stata l’acqua alta, il covid, quindi pochissimi turisti”.
La comica chiede quindi di mandare in onda un servizio giornalistico sulla tragica situazione delle aziende muranesi, all’interno di una delle fornaci spente e delle vetrerie che l’emergenza sanitaria ha fermato con rilevanti perdite economiche.

“Allora penso che la fessitudine dei comici a volte serva – commenta Littizzetto – scoperchia situazioni che non si conoscono. E già che ci sono faccio l’appello a Draghi: si segni “Murano”, per piacere, tra le cose da fare. E non metta gatti storti”.
E rivolgendosi ai veneziani: “Voi intanto a Murano soffiate dei draghi, non si sa mai”.
La comica, a seguito della polemica per le battute sul vetro di Murano, ha spiegato, pur ironicamente, che “La situazione è molto pesante, perché non si può più dire niente, si incaz… tutti quanti da morire, continuamente. E noi comici come facciamo? Non abbiamo nessuno che ci difenda. Allora – prosegue – ho fatto un po’ una classifica di cose che noi comici non possiamo più dire”.

Littizzetto legge da un foglio un elenco dei modi di dire popolari che non si potrebbero più dire, ad esempio: “Non puoi più dire che una grappa è invecchiata di trent’anni, devi dire che ha trent’anni in più, ma li porta bene, se no si incaz…” E ad un certo punto ritorna la laguna “Non puoi più citare il film ‘Morte a Venezia’, perché Brugnaro si offende a morte a Venezia e si incaz…”
Infine, un messaggio di chiusura, e anche questo con l’ironica metafora: “Non si può più dire niente, ci hanno insegnato ad offenderci per ogni cosa, ma così viviamo male, siamo sempre incaz… e smettiamo di ridere, e diventiamo fragili. Fragili come un gattino storto, ma non di Murano”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

3 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. La tua non è satira 4 parolacce buttate la
    specialmente in una tv pubblica,
    mi fa incazzare non poco pagare il canone
    vergognati

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Venezia: da oggi mascherine all’aperto in certe aree. Ecco dove

Venezia: allargamento dell’obbligo dell’uso di mascherine all'aperto alle aree della movida e nelle piazze. Dal 6 dicembre Green Pass obbligatorio fin dai pontili degli imbarcaderi per favorire i controlli a campione

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

A Venezia barche solidali (e molti taxi) contro l’obbligo di GP a bordo

A Venezia le barche solidali trasportano gli isolani che non possono salire sui mezzi pubblici. “Aiutiamoci”, e una barca solidale parte dalla Palanca alla Giudecca e attraversa il Canale. Il porto sono le Zattere e i viaggiatori sono persone non vaccinate...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Pipì in calle e bottiglie di vetro vicino a un monumento: multa e daspo per 4 giovani

Multa e daspo per quattro giovani in campo Santa Margherita a Venezia per comportamenti che violavano il Regolamento di Polizia urbana.

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.