Lettere. Referendum per la separazione Venezia – Mestre: alcune considerazioni

ultima modifica: 04/12/2019 ore 19:40

259

scrivere compito scuola

Lettere al giornale.

Qualche considerazione sui risultati del referendum sulla divisione amministrativa tra Venezia eMestre, dopo l’annessione avvenuta nel 1926.

La percentuale dei votanti e’ stata 32,64% a Venezia e 16,35% in terraferma, la metà quindi.

Da ricordare comunque che al ballottaggio del 2015 per il Sindaco è andato a votare solo il 49% e
su questo 49% Brugnaro ha preso il 53% dei voti: 54.405 su 211.720 iscritti (ora purtroppo calati a
206.553 a causa del continuo drammatico esodo).

Il Si’ ha prevalso con il 66% ma a Venezia e isole è stato dell’85% circa mentre in terraferma (ad
esclusione di Carpenedo) ha vinto di poco il No.

Dati che fanno capire ancora di più il diverso sentire tra le due città, realtà difformi tra loro, con problemi ben differenti e gravi (entrambe), che abbisognano di specifiche attenzioni e amministrazioni, con consiglieri comunali e assessori che conoscano bene i rispettivi territori e le loro peculiarità.

Due città che naturalmente continueranno a rimanere unite sotto diversi aspetti.

“Un mondo a parte”, “speciale”, “unica”: è stata definita Venezia anche ieri sera nell’ottimo reportage su Rai1, Frontiere. E noi che la abitiamo, viviamo quotidianamente questa meravigliosa (e problematica) particolarità, che meriterebbe uno statuto speciale che così non può avere.

Spiace che tante e tanti abitanti della terraferma non lo abbiano compreso.

La loro è una città, la terza del Veneto per numero di abitanti, con una propria storia (e stemma e patrono), identità, dignità (ma così continuerà ad essere definita la periferia di Venezia), con le nuove generazioni che non hanno più quello stretto legame – che comunque rimarrà – di chi ha dovuto dolorosamente lasciare Venezia causa sfratti o affitti troppo alti.

La loro conoscenza di Venezia – e isole in particolare – è molto diversa (peraltro fanno prima a raggiungere ad esempio Verona che non Pellestrina).

Ovvio che la divisione da sola non risolverebbe i gravi problemi di entrambe le città e della Laguna, su cui peraltro insistono altri 8 Comuni.

Ma è un passo fondamentale per cercare di invertire l’inarrestabile rotta della devastazione fisica e sociale, che l’illusione della Città metropolitana non ha saputo di certo invertire (è avvenuto invece, di contro, lo svuotamento di poteri delle Municipalità).

Al di là di altre considerazioni, spiace anche l’oscuramento subito: il grave invito all’astensione anche da parte dello stesso Sindaco, le false notizie atte a far prevalere la paura soprattutto per quanto riguarda costi, trasporti e Casino’, i soli 25 tabelloni elettorali per tutto l’esteso territorio, ecc..

Cristina Romieri, Venezia Lido

Venezia, 3 dicembre 2019

(per approfondire: Referendum per l’autonomia amministrativa di Venezia e Mestre dell’1 dicembre 2019)

Riproduzione Riservata.

LEGGI TUTTO

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

nuovo virus cinese 'Coronavirus' ceppo della Sars: ultimi aggiornamenti
"Bomba Day" a Marghera: evacuazione domenica 2 febbraio per migliaia di cittadini. Tutte le informazioni

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here