giovedì 27 Gennaio 2022
4.2 C
Venezia

La penna non deve morire. CCEditore e Wacom offrono nuove soluzioni per una modernizzazione dell’insegnamento tradizionale.

HomeInsegnantiLa penna non deve morire. CCEditore e Wacom offrono nuove soluzioni per una modernizzazione dell’insegnamento tradizionale.

A scuola di insegnamento: il gruppo editoriale CCEditore, da anni impegnato nella formazione all’interno delle scuole e la società produttrice di tavolette grafiche Wacom, si uniscono per aiutare le scuole nel gestire le lezioni del futuro.
Si tratta di un pacchetto integrato software, periferiche e formazione specializzata che aiuterà gli insegnanti e gli studenti a incontrarsi a metà strada tra l’insegnamento efficace e gli strumenti ideali per il migliore apprendimento tenendo come punto di riferimento la penna.

Il gesto fisico della penna attiva una complessa serie di processi neuronali che la tastiera non garantisce.
Gli studi approfonditi da CCEditore e da Wacom si sono orientati per mantenere le buone attivazioni e l’imprinting mentale, conservando la comodità e l’agilità della parte informatica.
L’intenzione del progetto è quello di parlare con i ragazzi usando le loro stesse consuetudini e strumenti, semplificare l’accesso al patrimonio multimediale didattico e rendendo interattivo il momento dell’apprendimento.
Questo permette di non escludere nessuno, favorendo l’inclusione ed il supporto alla disabilità. L’interazione fra i software presenti nel progetto e il display interattivo di ultima generazione creano un ambiente adeguato anche per i bambini con bisogni educativi speciali, aiutandoli a trovare una loro dimensione.

Il nuovo ambiente di apprendimento digitale ha creato nuove sfide per gli educatori.
L’educazione deve continuare senza interruzioni sia che gli studenti siano in un’aula fisica, sia che imparino da casa sia, ancora, che ci si trovi in una combinazione di entrambi.

Pro e Contro
L’esperienza accelerata dell’ultimo anno ha rivelato che la classe multimediale riporta in sé pro e contro.

Pro: la classe digitale, quando ben organizzata e gestita, permette una maggiore raggiungimento dello studente incontrandolo anche in un ambiente culturale e di conoscenza più vicino a lui e, quindi, più facilmente intellegibile.

Contro: insegnanti e studenti perdono la loro interattività diretta e fisica (con tutto quello che ne consegue a livello psicologico, emotivo e nella sfera dell’apprendimento).

Wacom e CCEditore hanno convenuto che:
“Per massimizzare i vantaggi e i benefici degli ambienti di apprendimento digitale, gli insegnanti devono essere in grado di sostituire le loro lavagne tradizionali con spazi digitali dove poter scrivere formule ed equazioni o annotare forme astratte, in modo che i loro studenti possano vedere e capire le idee in tempo reale.
Insegnanti e studenti devono anche essere in grado di collaborare, annotare il lavoro degli altri e mostrare il loro pensiero in formati visivi.
Con loro, è più facile per gli insegnanti insegnare e per gli studenti imparare”.

Il Gruppo Editoriale CCEditore e Wacom hanno creato un protocollo di azione in grado di permettere alle scuole di cambiare il modo in cui insegnanti e studenti approcceranno la didattica in aula.

Caratteristiche del sistema creato da Wacom e CCEditore

Il pacchetto di gestione e messa in opera utilizza software selezionati adatti a Microsoft e Google, i pen display di Wacom e i corsi di certificazione realizzati dal gruppo editoriale CCEditore (ente di formazione accreditato Ministero dell’Istruzione e Regione Lombardia).
La soluzione è completamente ampliabile e integrabile per soddisfare le esigenze e le richieste individuali e include corsi certificati per tutto il personale dell’istituto.
Il display interattivo Wacom One diventa la porta per interagire con il mondo di soluzioni didattiche messe a disposizione dalla scuola.
Lo studente, per parte sua, potrà continuare interagire assecondando le proprie attitudini scrivendo come su un foglio di carta o selezionando le funzioni con un tocco di penna.

I commenti

“Le scuole hanno dimostrato una curva di apprendimento molto ripida nella digitalizzazione durante il Covid. Ora è importante unire i vantaggi e le opportunità dell’educazione digitale e renderli sostenibili e a prova di futuro – afferma Fabrizio Corno Senior Account Manager Italy di Wacom – Noi di Wacom crediamo che la penna sia uno strumento molto potente nel campo dell’istruzione. Consente un insegnamento e una comunicazione molto naturali e intuitivi. Anche negli ambienti digitali dove da quasi 40 anni Wacom fornisce a professionisti creativi, designer e giovani artisti dispositivi con penna digitale per esprimere la propria creatività. E nel corso degli anni Wacom ha dotato molte scuole e università di apparecchiature digitali per le aule. Abbiamo pensato a questo progetto con il prezioso supporto di Roberto De Duro, vicepresidente di Cceditore, e insieme a loro vogliamo portare le nostre conoscenze e competenze ad un numero sempre maggiore di scuole ampliando sempre di più il concetto di digitalizzazione nel settore dell’istruzione”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Non è che chi va fuori non ami più Venezia, è lei che non c’è più”. Lettere

In risposta alla lettera: "Go fato ben a andar via (da Venezia) chea volta e no me dispiaxe proprio”. Per Frank. La tua risposta a Luca. S è stupida. Io sono veneziana doc, conosco benissimo la storia dell’arte (ho studiato con artisti...

Polmonite Bilaterale da Covid, ricoverata in rianimazione. Ha sette mesi

A sette mesi ha il Covid ed è ricoverata in rianimazione. Alla piccola viene assicurata la migliore assistenza possibile, per questo è stata trasferita dalla Calabria a Roma. La piccola ha soli sette mesi ed è ricoverata in terapia intensiva perché contagiata...

Venezia e la crisi del turismo: una guerra a colpi di ribassi

Venezia, la crisi del turismo, ovvero: hotel a “tre stelle” per 23 euro. Chi pensava che il turismo a Venezia avesse già toccato il fondo sarà costretto a ricredersi. La drastica diminuzione degli arrivi unita alla saturazione del mercato ricettivo hanno...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

“La Venezia svenduta: uno, dieci, cento bar, bnb, uno attaccato all’altro…”. Lettere

In risposta alla lettera: “Non è che chi va fuori non ami più Venezia, è lei che non c’è più”. Rispondo alla Veneziana Doc. Non sono il Frank che ha risposto a Luca. Però devo dirti che hai ragione. Ho 75 anni...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....