10.8 C
Venezia
lunedì 25 Ottobre 2021

Isola Verde (Chioggia) : continua ricerca della variante Delta

HomecontagiIsola Verde (Chioggia) : continua ricerca della variante Delta

Argomenti dell'articolo
→ Variante Delta → Focolaio Isola Verde → Contagi Chioggia → Ulss 3 Serenissima
lettura: da uno a due minuti

Ai 400 screening offerti ieri dalle due unità sanitarie mobili dell’Ulss 3 a ospiti e dipendenti del camping coinvolto nel focolaio di variante Delta , si sommano i cento tamponi rapidi di terza generazione fatti stamane, dalle ore 10 alle ore 14.
Tutti i cinquecento soggetti che si sono sottoposti volontariamente a verifica sono risultati negativi.
Un solo caso di falsa positività riscontrato ieri dal tampone rapido è stato presto smentito dalla verifica di rito con il tampone molecolare.
L’attività dei camper di questi due giorni all’entrata del campeggio di Chioggia è un’iniziativa di prevenzione gratuita, offerta dall’azienda sanitaria ai cittadini che vi hanno aderito su base volontaria.
Un’attività extra quindi, di maggiore sicurezza per la popolazione, rispetto all’indagine epidemiologica svolta dall’Ulss 3 su una cinquantina di contatti tracciati attorno ai primi casi e sviluppatasi per conseguenti centri concentrici.

“L’attività dei tamponi, proposta in concentro con la Regione Veneto, è un servizio in più che abbiamo fornito per la tranquillità di chiunque stia frequentando o ruoti attorno al il villaggio turistico – dice il direttore generale Edgardo Contato -. Siamo felici di aver monitorato e constatato, con questa raccolta massiccia di tamponi negativi, una situazione serena e sotto controllo. Siamo pronti a tornare qui, nei prossimi giorni, con le nostre unità mobili nel caso, in base alle nostre valutazioni sanitarie, ce ne fosse ancora bisogno”.
Il cluster nel camping dell’Isola Verde era stato scoperto due giorni fa.
Lo screening capillare subito eseguito dall’azienda sanitaria aveva rivelato ben 14 casi di positività.
Più sotto la notizia originale.
 
 

Cluster a Isola Verde, comune di Chioggia.
Tutto è cominciato con la scoperta di un caso di positività al Covid-19 registrato in un centro estivo in località Isola Verde.
Attivata, l’Ulss 3 Serenissima ha proceduto a indagine epidemiologica.
A fronte di una cinquantina di tamponi eseguiti, altre ulteriori positività sono subito emerse.
Al momento sono 14 le persone risultate positive, tutte estranee al territorio dell’Ulss 3 Serenissima.
Tutti i contagi, infatti, si devono ritenere correlati alle attività del centro estivo e sono in gran parte minori.
L’indagine ha testato i casi di possibile contagio, cioè i “contatti stretti” e la cerchia allargata delle persone che hanno avuto contatti con il caso iniziale.
I soggetti positivi sono già rientrati nei territori di residenza e posti in isolamento.
Ai soggetti che risultavano essere stati nei “contatti stretti” è stata invece imposta la consueta quarantena.
I tamponi positivi raccolti con l’indagine epidemiologica sono stati inviati ai laboratori di competenza per verificare la presenza di varianti particolari del virus.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

Data prima pubblicazione della notizia:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements