30.1 C
Venezia
lunedì 26 Luglio 2021

Isola di San Servolo (Venezia) : il Museo della Follia riapre ai cittadini

HomeArte e CulturaIsola di San Servolo (Venezia) : il Museo della Follia riapre ai cittadini

L’isola di San Servolo il Museo della Follia e il suo meraviglioso parco riaprono le porte alla cittadinanza e ai visitatori. Riduzioni sul costo dei biglietti per i residenti.

L’isola di San Servolo riapre i suoi servizi alla cittadinanza e ai turisti che stanno programmando una visita della città di Venezia e delle sue bellezze artistiche e naturali.
Da lunedì sarà aperto al pubblico il Museo della Follia proponendo due visite, una alle ore 14,00 e una alle ore 15,15 in concomitanza con la partenza della linea 20 da San Zaccaria rispettivamente alle ore 13,45 e alle ore 15,00.
Il biglietto intero costa euro 6, quello ridotto euro 4,5 applicato agli over 65 e ai residenti in Città metropolitana di Venezia che possono anche accedere gratis al Museo ogni primo venerdì del mese, l’accesso è gratis anche ai ragazzi fino a 14 anni se accompagnati.
Il Museo, mostrando numerosi reperti appartenuti all’ospedale psichiatrico, racconta una storia singolare e a tratti curiosa di quando la follia era reclusa e incompresa.
Il percorso di visita prevede anche la bellissima chiesa del ‘700 chiamata dai veneziani “chiesa dei due campanili” con dipinti di Jacopo Marieschi e l’antica farmacia attiva in isola dal 1716 con i Padri Ospedalieri di San Giovanni di Dio, meglio conosciuti come Fatebenefratelli, esperti farmacisti e medici.

“Possiamo finalmente riaprire l’isola di San Servolo ai visitatori – commenta l’ing. Andrea Berro, Amministratore Unico di San Servolo srl, ente gestore dell’isola – Un risultato che arriva grazie anche alla volontà espressa dal Sindaco metropolitano Luigi Brugnaro,. Riaprire le porte di San Servolo al pubblico significa, infatti, contribuire al risveglio attivo e propositivo della Città di Venezia: museo e parco saranno aperti in attesa di procedere dal 1 luglio anche con l’attività congressuale”.
Dal 1 giugno sarà aperta ai visitatori anche la nuova caffetteria anch’essa recentemente rivisitata con soluzioni di design.

In ottemperanza a quanto previsto a livello nazionale e regionale in materia di contenimento della pandemia e gestione dell’emergenza COVID-19, i visitatori saranno tenuti ad indossare le proprie mascherine e seguire le indicazioni del personale e sottoporsi alla misurazione della temperatura corporea. Ogni ambiente e i servizi igienici sono periodicamente sanificati.

Per effettuare la visita nei fine settimana è obbligatorio la prenotazione telefonando entro venerdì alle ore 18,00 al numero 041 2765001 o inviando una mail a museomanicomio@servizimetropolitani.ve.it

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.