Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
5.7C
Venezia
domenica 28 Febbraio 2021
HomeScuolaInsegnante sequestra cellulare, studente denuncia 'abuso di potere'

Insegnante sequestra cellulare, studente denuncia ‘abuso di potere’

Scuola in crisi: cattedre vuote e carosello di supplenti
La cronaca: squilla lo smartphone in classe e come vuole il regolamento del Liceo Duca degli Abruzzi, l’insegnante individua l’appartenenza, invita lo studente “reo” a consegnarglielo. Rinchiude l’intruso nel cassetto, l’avrebbe poi restituito ai genitori dello studente “indisciplinato”.

Un fatto in prima istanza semplice (quasi) accaduto un po’ di tempo fa a Treviso. Ricorrente fra studenti e professori, che raccomandano di non usarlo in classe, ma il cellulare ha la stessa portata di un cagnolino, di un animale domestico, tanto siamo addomesticati all’appartenenza della tecnologia. I voti del resto, le comunicazioni, oggi, non vengono inviati alla famiglia tramite web?

Non ci sta il ragazzo a quello che gli è sembrato un abuso di potere. Aspettava una telefonata dai genitori che erano fuori città, questa la sua versione e da qui la conseguente decisione di recarsi dai carabinieri per denunciare l’accaduto. Lo studente ha diciott’anni e non ha retto all’appropriazione “indebita”, che il suo legale biasima e sostiene essere “una forma di sequestro che non può essere esercitato dalla scuola”.

Il liceo trevisano esprime stupore e disapprovazione tramite la preside Antonia Piva, dispiaciuta per quanto ha appreso dalla stampa, proprio nei confronti di un istituto molto apprezzato in città per le sua esperienza didattica e formativa . Fa appello al regolamento e all’intento educativo dei docenti, che non sequestrano, ma ritirano provvisoriamente i cellulari, quando questi vengono usati in classe. Fa riferimento alla collaborazione fra docenti e genitori e ricorda una circolare ministeriale che sostiene i principi del regolamento del liceo, basati sul rispetto dei ruoli.

La denuncia del ragazzo maggiorenne nei confronti della scuola ipotizza il reato di sequestro illegittimo e abuso di potere, ma l’avvocato Capraro che assiste lo studente, pensa che tutto possa essere chiarito in sede pacifica, anche se le vere contraddizioni certo non usciranno da questa diatriba apparentemente “semplice”.

Arriveranno scuse e ripensamenti, ma lo smartphone è solo la conseguenza di un mondo mediatico offerto dalla presunta modernità ai giovani, che se lo portano sempre appresso, che seduti sugli autobus non alzano mai gli occhi dal loro magico oggetto portatile, che usano i social per comunicare impulsi immediati e impressioni, che volano basso dentro la vita rettangolare che tutto assorbe e prende.

Come abbandonarlo, come privarsene mentre si studia, si lavora in classe? Si rischia una crisi di astinenza se viene sottratto “per regolamento”, i ragazzi sono vittime dipendenti della tecnologia diretta, ma neppure gli adulti, talvolta pure insegnanti e in classe, sembrano poterci rinunciare.

Andreina Corso

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, era in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Ciclista trovato morto a bordo strada a Sernaglia, forse investito e non soccorso

Trovato morto ciclista a bordo strada questa mattina. Si tratta di un uomo di 45 anni. Il deceduto è stato scoperto un paio d'ore fa al...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati
spot

Mose: perito per le cerniere da le dimissioni. “Nel 2019 abbiamo rischiato”

Clamoroso al Mose. La notizia esplode questa mattina in edicola con la Nuova Venezia. L'articolo racconta nel dettaglio una durissima lettera d'accusa inviata al Provveditore...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.