4.2 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

Insegnante sequestra cellulare, studente denuncia ‘abuso di potere’

HomeScuolaInsegnante sequestra cellulare, studente denuncia 'abuso di potere'
la notizia dopo la pubblicità

Scuola in crisi: cattedre vuote e carosello di supplenti
La cronaca: squilla lo smartphone in classe e come vuole il regolamento del Liceo Duca degli Abruzzi, l’insegnante individua l’appartenenza, invita lo studente “reo” a consegnarglielo. Rinchiude l’intruso nel cassetto, l’avrebbe poi restituito ai genitori dello studente “indisciplinato”.

Un fatto in prima istanza semplice (quasi) accaduto un po’ di tempo fa a Treviso. Ricorrente fra studenti e professori, che raccomandano di non usarlo in classe, ma il cellulare ha la stessa portata di un cagnolino, di un animale domestico, tanto siamo addomesticati all’appartenenza della tecnologia. I voti del resto, le comunicazioni, oggi, non vengono inviati alla famiglia tramite web?

Non ci sta il ragazzo a quello che gli è sembrato un abuso di potere. Aspettava una telefonata dai genitori che erano fuori città, questa la sua versione e da qui la conseguente decisione di recarsi dai carabinieri per denunciare l’accaduto. Lo studente ha diciott’anni e non ha retto all’appropriazione “indebita”, che il suo legale biasima e sostiene essere “una forma di sequestro che non può essere esercitato dalla scuola”.

Il liceo trevisano esprime stupore e disapprovazione tramite la preside Antonia Piva, dispiaciuta per quanto ha appreso dalla stampa, proprio nei confronti di un istituto molto apprezzato in città per le sua esperienza didattica e formativa . Fa appello al regolamento e all’intento educativo dei docenti, che non sequestrano, ma ritirano provvisoriamente i cellulari, quando questi vengono usati in classe. Fa riferimento alla collaborazione fra docenti e genitori e ricorda una circolare ministeriale che sostiene i principi del regolamento del liceo, basati sul rispetto dei ruoli.

La denuncia del ragazzo maggiorenne nei confronti della scuola ipotizza il reato di sequestro illegittimo e abuso di potere, ma l’avvocato Capraro che assiste lo studente, pensa che tutto possa essere chiarito in sede pacifica, anche se le vere contraddizioni certo non usciranno da questa diatriba apparentemente “semplice”.

Arriveranno scuse e ripensamenti, ma lo smartphone è solo la conseguenza di un mondo mediatico offerto dalla presunta modernità ai giovani, che se lo portano sempre appresso, che seduti sugli autobus non alzano mai gli occhi dal loro magico oggetto portatile, che usano i social per comunicare impulsi immediati e impressioni, che volano basso dentro la vita rettangolare che tutto assorbe e prende.

Come abbandonarlo, come privarsene mentre si studia, si lavora in classe? Si rischia una crisi di astinenza se viene sottratto “per regolamento”, i ragazzi sono vittime dipendenti della tecnologia diretta, ma neppure gli adulti, talvolta pure insegnanti e in classe, sembrano poterci rinunciare.

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Turisti riducono Piazza San Marco pizzeria a cielo aperto: da oggi non pagherò più le tasse

Il prof. Tamborini denuncia che la Polizia Municipale è intervenuta solo dopo molte insistenze e quando ormai non c'era più niente da rilevare. Oltre al fatto che ormai non viene praticamente sanzionato più nulla (neanche agli abusivi), perchè un cittadino deve...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...