lunedì 17 Gennaio 2022
9.6 C
Venezia

Infermieri e medici no vax al Tar: class action contro obbligo a vaccinarsi

HomeVaccinazioni obbligatorieInfermieri e medici no vax al Tar: class action contro obbligo a vaccinarsi

Argomenti dell'articolo
→ Vaccini anti Covid → Vaccinazioni obbligatorie → Personale sanitario → Obbligo di vaccinarsi per infermieri e medici
lettura: due minuti

Infermieri no vax al Tar: class action in 500, fanno ricorso al Tar contro l’obbligo della vaccinazione.
L’appuntamento in aula è per il 14 luglio.
Davanti al TAR di Brescia si discuterà un ricorso firmato da trecento persone.
Sono operatori sanitari e medici di Brescia, Cremona, Bergamo e Mantova.
Operatori dei territori più colpiti dalla pandemia riuniti per chieder al tribunale amministrativo di sospendere e poi annullare l’obbligo vaccinale per il personale.
Altri 200 hanno presentato un ricorso analogo al tribunale di Milano.
“Nessuno dei ricorrenti si è ancora sottoposto alla vaccinazione per la prevenzione dall’infezione da SARS-CoV-2”. Però, “non è una battaglia no vax, ma una battaglia democratica. Qui si obbliga una persona a correre un rischio e se non lo corre gli viene impedito di svolgere la professione” spiega l’avvocato Daniele Granara, professore ligure, che ha presentato il ricorso a Brescia contro AST Bergamo, ATS Brescia, ATS Val Padana e ATS Montagna dopo che nelle scorse settimane aveva fatto lo stesso in Liguria, e lo stesso ha fatto a Milano.
“L’Italia – si legge nelle 52 pagine di ricorso bresciano – è l’unico Paese dell’Unione Europea a prevedere l’obbligatorietà per determinate categorie di soggetti della vaccinazione per la prevenzione della Sars-CoV-2“.
Il ricorso presentato lo scorso 22 giugno e che sarà discusso davanti alla prima sezione del TAR di Brescia “si fonda sulla illegittimità costituzionale, sotto plurimi profili, di diritto interno e diritto europeo, di un obbligo riferito ad un vaccino di cui non è garantita né la sicurezza né l’efficacia, essendo la comunità scientifica unanime nel ritenere insufficiente, sia dal punto di vista oggettivo sia dal punto di vista temporale, la sperimentazione eseguita” viene spiegato nel ricorso.

“Si rivendica la libertà di scelta della cura e la libertà della ricerca scientifica sancite dalla Costituzione, diritti inviolabili e parte integrante del patrimonio costituzionale comune dei paesi dell’Unione Europea”.
I medici e gli infermieri, ma anche i farmacisti e il personale ospedaliero, che hanno presentato ricorso sostengono che “il Legislatore italiano ha inteso prevedere un singolare obbligo vaccinale in danno degli operatori sanitari e sociosanitari, costretti a sottoporsi ad uno dei quattro vaccini autorizzati in Italia, senza avere certezza circa la loro efficacia e sicurezza e, peraltro, senza nemmeno avere la possibilità di scegliere a quale tra i quattro sottoporsi”.
Per l’avvocato Granara “non sono ancora note le potenzialità dei vaccini sotto il profilo della loro capacità di impedire la trasmissione del virus, la capacità di impedire la contrazione della malattia e la durata temporale dell’efficacia preventiva, dall’altro, che non sono ancora note le conseguenze, soprattutto a lungo termine, derivanti dalla somministrazione dei vaccini”.

Non è dunque terminato il braccio di ferro per l’obbligatorietà di vaccinarsi che grava sugli operatori sanitari anche se se ne sente poco parlare.
E’ vero che alcuni “si sono arresi” dietro pressioni di colleghi, di superiori o delle aziende datrici di lavoro, ma lo schieramento dei contrari è sempre molto nutrito.
A fine maggio, ad esempio, erano stati circa centocinquanta gli operatori sanitari contrari al vaccino a schierarsi davanti all’ospedale dell’Angelo di Mestre, adducendo motivazioni che pur meritando rispetto, come dovuto a qualsiasi scelta e opinione, hanno aperto il varco dell’incertezza e smontato le poche e bramate sicurezze che il vaccino ci ha consegnato.
Il personale del sindacato Cub, davanti all’Ospedale all’Angelo, lo ha dichiarato a chiare lettere che non intende vaccinarsi, né ora, né domani, né mai.
Che cosa temono i manifestanti, che non amano essere definiti no vax?
Motivi ne hanno tanti, alcuni macabri e inquietanti, come ‘i feti nella fiala, humus tumorali, virus che provocherebbero la fertilità’.
Arrabbiati e decisi nella loro lotta, i lavoratori che avevano aderito allo sciopero del primo aprile per protestare contro il decreto che obbligava il personale sanitario a sottoporsi al vaccino, mantengono la rotta dell’opposizione e non sembrano temere sanzioni, sospensione dello stipendio o multe, molti hanno già incaricato i loro avvocati per eventuali diffide e per dimostrare l’oculatezza delle loro ragioni.

Ed è così in molte città del Veneto: a Vicenza, Bassano, Padova, Belluno e altre ancora dove la protesta assume toni aspri nei confronti di un vaccino che giudicano sperimentale e quindi non sicuro e poco contano le statistiche, il calo della pandemia è avvenuto grazie all’aumento delle vaccinazioni.
Il personale lamenta una specie di gogna cui sarebbero sottoposti quando si sentono costretti a indossare una doppia mascherina, doppi guanti e calzari durante l’orario di lavoro.
Si sentono additati e criticati e non intendono accettare la situazione.
Lo definiscono senza mezzi termini una dittatura sanitaria l’obbligo di vaccinazione che ‘non impedisce la trasmissione del virus, che crea incognite e paure”. Non ci stanno, hanno detto, a far da cavie, sono convinti e determinati.
Alessandro Busetto, responsabile Sanità dei Cub, che non ha mancato di criticare la progressiva privatizzazione della sanità, insiste sul valore della libera scelta e chiede che i provvedimenti a danno dei lavoratori siano ritirati. Lo hanno sostenuto infermieri, tecnici di laboratorio, operatori sociosanitari e addetti alle pulizie.

All’oggi sono più di duemila senza vaccino in Veneto, cinquecento sono dipendenti dell’Ulss 3 Serenissima, altri si snodano tra liberi professionisti, operatori delle aziende private, delle residenze per gli anziani della regione.
Per la maggior parte degli operatori, medici, infermieri e farmacisti.
In linea generale ovunque il ciclo vaccinale è stato compiuto, ma sono davvero tanti quelli che non l’hanno neppure avviato, nonostante la legge che ‘obbligherebbe’, in questo caso, all’obbedienza.
I nodi stanno per arrivare al pettine dunque.
La Direzione Generale della nostra Ulss ha dato un mese di tempo per sondare e interrogare i “reticenti”.
Vaccinarsi è ritenuto un diritto e insieme un dovere, ricorda la Direzione generale, che non vorrebbe arrivare a provvedimenti disciplinari, come la sospensione dal posto di lavoro, gli spostamenti, il distanziamento dall’esercizio della professione sanitaria.
A metà luglio un Tar dirà una parola importantissima sulla vicenda.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Mario Nascimbeni
Giornalista professionista, collabora ed ha collaborato con grandi testate nazionali. Ha base operativa a Roma, ma la sua professione lo porta in ogni parte del mondo come inviato o per reportage personali.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

L'articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto. Abito in una laterale di via Garibaldi,...

Salvi abitanti delle isole: possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base

"Salvi", si fa per dire, gli abitanti delle isole: è possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base fino al 10 febbraio. E' tutt'ora considerata un'eccezione, quindi il nuovo documento parla dei soli motivi di salute e di studio, ma è sicuramente...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

“L’attuale modello economico è basato sull’assembramento: la IV ondata ve la siete cercata”. Lettere

"Nessuno ha mai controllato il rispetto delle regole negli alberghi di Venezia"

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto?

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...