COMMENTA QUESTO FATTO
 

Incidente nave sfiorato: Procura convoca Capitaneria per capire perchè la nave è partita con il maltempo

La nave Costa Deliziosa che domenica sera ha ‘sfiorato’ la Riva Sette Martiri a Castello diventa un caso da Procura.

Oggi si terrà, infatti, un incontro tra Procura di Venezia e la Capitaneria di porto lagunare per raccogliere i primi elementi sull’incidente sfiorato ieri con una nave di Costa crociere che ha rischiato di andare a sbattere contro la riva poco lontano da San Marco.

Il Pm Andrea Pedroni aprirà, come atto dovuto, un fascicolo sulla vicenda, senza ipotesi di reato ed indagati al momento, in attesa di ricevere tutti gli elementi formali e sostanziali sulla vicenda.

Da chiarire – secondo quanto si è appreso – c’è soprattutto il perché la nave abbia lasciato gli ormeggi quando era conclamato il maltempo e il perché non ne sia stata rimandata la partenza di qualche ora per manovrare in sicurezza.

Quello che fino ad ora è noto è che la nave Costa Deliziosa ha lasciato, nel tardo pomeriggio di ieri, l’approdo della marittima per iniziare una crociera quando è sopravvenuto un nubifragio con vento intenso sulla città.

Proprio l’effetto ‘vela’ sulle murate della nave costretta a percorrere un canale e venendo presa di infilata, l’ha portata a scarrocciare verso la riva dei Sette Martiri, mettendo in difficoltà la navigazione dei vaporetti del servizio pubblico e rischiando di collidere con uno yacht ancorato (il personale di bordo è stato costretto ad una fuga repentina).

I rimorchiatori che ‘controllavano’ la nave sono però riusciti ad evitare il peggio trattenendo la Costa Deliziosa e rimettendola in assetto.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here