Violento temporale a Venezia, nave sbanda e attacca la sirena

3691

Violento temporale a Venezia, nave attacca la sirena. Paura ma nessun danno

A Venezia il cielo ha cominciato a farsi minaccioso verso le 18. Torve nuvole nere giravano velocemente sulla città come avvoltoi che guardano la preda dall’alto.

Un paio di minuti prima delle 18.30 il finimondo: prima raffiche fortissime di vento poi una violenta grandinata si è abbattuta su strade e case con una forza tale che alcuni ci riferiscono temevano potessero andare in frantumi i vetri delle finestre.

Sfogata la grandine, con chicci che potevano arrivare alle dimensioni di 1-2 cm, il maltempo si è convertito in pioggia, facendo intuire che il peggio era passato.

Ulteriore segnale che ha angustiato la popolazione attorno al sestiere di Castello: una nave in uscita ha suonato la sua potente sirena ininterrottamente per dei lunghi minuti, facendo presagire che vi fosse un pericolo immediato.
Un allarme acustico di questo tipo non si era mai udito nella nostra laguna.
Alla fine, in mezzo al forte vento e alla grandine, probabilmente solo un segnale di allerta per le barche nelle immediate vicinanze.

Danni imponenti non ne sono stati segnalati. Molte le chiamate ai vigili del fuoco per allagamenti o tratti di rami precipitati nel territorio della terraferma. Nessuna persona ferita al momento.

Il maltempo ha fatto inoltre danni un po’ ovunque. Un violento temporale si è abbattuto nel primo pomeriggio a Trento e in tutta la valle dell’Adige con numerose chiamate ai vigili del fuoco, in particolare per le piante d’alto fusto cadute per le strade, come hanno documentato le immagini della Tgr Rai.

Danni sono segnalati anche in altre zone dell’Alto Adige, da Egna a Ora, da Termeno a Cortaccia, lungo la via del vino: sono segnali non soltanto alberi caduti, con strade temporaneamente bloccate e auto centrate da rami crollati, ma anche cantine allagate e blackout. Un centinaio gli interventi dei vigili del fuoco. Danni anche in val d’Ega, a Nuova Ponente.

E il maltempo ha colpito anche gran parte del Veneto, non solo la provincia di Belluno, vicina alle montagna, ma anche il trevigiano e il litorale veneziano.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here