mercoledì 26 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Incendia sede dei vigili: due morti. Arrestato straniero con l’espulsione in tasca

HometragediaIncendia sede dei vigili: due morti. Arrestato straniero con l'espulsione in tasca

Incendia sede dei vigili: due morti. Arrestato straniero con l'espulsione in tasca

Incendio nella sede dei vigili, un gesto sconsiderato e irresponsabile che ha portato al decesso di due persone. Arrestato per il folle atto un ragazzo nordafricano. I primi commenti rinfocolano le polemiche sull’accoglienza. Salvini: “Altro che porti aperti”, M5S: “E’ il fallimento dei rimpatri”.

Un incendio appiccato nella sede della polizia municipale da un ragazzo nordafricano in quello che appare un gesto illogico, dai motivi ancora da chiarire. Il rapporto del dramma parla di due donne morte e altre venti persone rimaste intossicate, due in modo grave.

Il fatto avviene a Mirandola, nel Modenese, proprio nei giorni in cui si commemora il settimo anniversario del terremoto emiliano.

La notizia ha alimentato le fibrillazioni della maggioranza di governo, col ministro dell’Interno Matteo Salvini che ha commentato, “Preso uno straniero, altro che porti aperti”, e il Movimento 5 Stelle che a stretto giro gli ha replicato: “il caso Mirandola è il fallimento di Salvini e dei rimpatri, aveva una notifica di espulsione e Salvini non ne sapeva nulla”.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri di Carpi, intorno alle 2.40 di lunedì notte il giovane ha forzato la porta della sede della polizia municipale di Mirandola in via Roma per rubare un giubbotto antiproiettile, un cappello e poco altro.

Poi ha dato fuoco agli uffici utilizzando della carta, provocando di lì a poco la morte, causa fumo, di due donne anziane che vivevano al secondo piano della stessa struttura, una 84enne italiana allettata e la badante ucraina di 74 anni.

Dei residenti dei nove appartamenti, tutti sorpresi nel sonno, altri venti sono rimasti intossicati: quattro sono finiti in camera iperbarica, e di questi due versano in gravi condizioni.

Tra i feriti ci sono anche sei minori, nessuno in pericolo di vita. Lo stabile è stato evacuato e il Comune ha trovato una sistemazione alle persone rimaste senza casa.

Per l’incendio i carabinieri hanno arrestato un giovane, di origine nordafricana, già destinatario di un ordine di espulsione.

La tragica scoperta notturna si deve ad un cittadino che ha sentito rumori insoliti proprio nella sede della municipale. I militari hanno raggiunto il sospettato a poche centinaia di metri di distanza, mentre nell’edificio, al piano terra, le fiamme si propagavano.

Per il giovane le ipotesi di furto aggravato, danneggiamento a seguito di incendio e morte come conseguenza di altro delitto. Addosso aveva ancora un accendino, lo stesso, pare, usato nel raid.

Tutto da ricostruire invece il movente del gesto. Se in un primo momento si era parlato di una possibile ‘vendetta’ nei confronti della polizia municipale, per un provvedimento preso a carico del ragazzo, questa iniziale indiscrezione è stata scartata: non era una persona nota.

Al contempo sono escluse piste legate al terrorismo. Il giovane parlerebbe a stento l’italiano e non ha risposto alle domande degli inquirenti.

E’ stato sottoposto anche ad un accertamento auxologico che ha confermato la sua maggiore età. E’ in Italia da un anno e tre mesi.

Era già stato accompagnato al confine a Ventimiglia per lasciare l’Italia ma è rientrato e ha collezionato tante piccole denunce a Roma.

Il 14 maggio gli era stato notificato un ordine di allontanamento dall’Italia, ma, purtroppo, si è diretto verso Mirandola.

Ordini di allontanamento, espulsioni, rimpatri, che evidentemente di questi tempi non seguono l’iter previsto forse per un’errata percezione di impunità che taluni percepiscono in Italia.

(foto di repertorio)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Rottweiler entra nel ristorante e sbrana barboncino che stava sotto il tavolo della padrona

Scena drammatica ad Abano. Improvvisamente uno dei rottweiler della proprietaria del locale entra nella pizzeria dove ci sono i clienti che stanno mangiando e azzanna un cagnolino di piccola taglia che se ne stava accovacciato sui piedi della padrona. Ed è...

Venezia, San Zaccaria. La sorpresa all’imbarco: ignoti hanno defecato in vaporetto

Venezia, il degrado del comportamento delle persone ha toccato livelli mai raggiunti prima. Questa mattina un vaporetto ha attraccato al pontile di San Zaccaria, ma i viaggiatori che sono saliti a bordo hanno trovato una disgustosa sorpresa. Un passeggero si era appena...

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...