Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
14.8C
Venezia
lunedì 01 Marzo 2021
HomeScuolaIl preside "taglia" le preghiere e le immagini sacre. Chi ha ragione?

Il preside “taglia” le preghiere e le immagini sacre. Chi ha ragione?

ragazzina aggreditia crocifisso

È arrivata con ripetuta stizza e qualche rammarico la notizia del preside di una scuola, la Ragusa Moleti di Palermo che avrebbe provocato il pandemonio con una circolare che ha toccato la religione cattolica.

Il preside ha ritenuto che immagini sacre, quadri, che erano esibiti all’interno della scuola, dovessero essere rimossi dalle pareti e che non si dovevano recitare le preghiere, consuetudine che le insegnanti e i bambini praticavano quotidianamente in molti momenti della giornata.

Ha scelto la circolare, per diramare questa indicazione per tutti i plessi dell’istituto e insegnanti e genitori stanno esprimendo il loro dissenso e indignazione.

Via anche una statuetta della Madonna e alcune immagini, compresa quella di Papa Francesco. Oltre alle immagini dei Papi che erano appese alle pareti della sede centrale della scuola Ragusa Moleti, il dirigente ha tolto anche quella di Giovanni Paolo II che si trovava nell’ufficio che gli è stato assegnato quando lo scorso settembre ha assunto il ruolo.

Il preside Nicolò la Rocca nel suo ufficio ha mantenuto il crocefisso e ha giustificato la sua posizione asserendo che la preghiera benedicente, più volte recitata durante l’orario scolastico con i bambini, anche durante la merenda, viola le indicazioni dell’Avvocatura dello Stato che in una nota del Miur del 2009 “esclude celebrazioni di atti di culto, riti o celebrazioni a scuola, durante l’orario scolastico o durante l’ora di religione, atteso il carattere culturale di tale insegnamento”.

Alla luce di una lettera che un gruppo di genitori ha inviato ai giornali per esprimere disapprovazione per le orazioni all’interno della scuola e per un eccesso di pratiche di culto e rito cattolico, il preside ha ritenuto di ottemperare alle direttive ministeriali che impongono alla scuola pubblica un insegnamento laico e il rispetto nei confronti di altri alunni non cattolici.

I giornali hanno riportato con una certa enfasi lo stupore dei bambini che avrebbero sentito la mancanza delle preghiere e si sarebbero lamentati con i genitori.

Ora circolano invece le polemiche, chi si appella alle radici, chi accusa di autoritarismo il preside, chi se la prende con i bambini stranieri e con le loro famiglie.

In realtà sembra essere stato l’eccesso di pratiche religiose a provocare le conseguenze.

La scuola pubblica si caratterizza proprio per la sua laicità, non nega le tradizioni, ma l’istruzione, l’insegnamento, la storia delle religioni e della stessa cattolica, non include atti di culto e il preside ha solo rispettato il dettame costituzionale, ben sapendo che esistono i luoghi, le chiese, i patronati dove la dottrina cattolica può essere vissuta e praticata, la casa, la famiglia, se i genitori vogliono adempiere al bisogno di preghiera, le moschee per chi cattolico non è, le sinagoghe per la religione ebraica e altre confessioni differenti.

E altro ancora. La scuola eventualmente dovrebbe lavorare su temi e contenuti che legano tutte le religioni, soprattutto con bambini che frequentano la scuola materna ed elementare, sviluppando concordanze sull’affettività, il rispetto reciproco, il valore di ognuno e di tutti per una formazione pedagogica che tutto accomuna.

Andreina Corso

(foto di repertorio)

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.