martedì 18 Gennaio 2022
7.5 C
Venezia

Il Caso Spotlight, film che mantiene la promessa: sobrietà che non compromette il pathos

HomeCinemaIl Caso Spotlight, film che mantiene la promessa: sobrietà che non compromette il pathos

Il Caso Spotlight, film che mantiene la promessa: sobrietà che non compromette il pathos

Presentato fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia ultima scorsa e benedetto da una pioggia di Oscar, “Il caso Spotlight” del regista Tom McCarhty ha perdurato nelle nostre sale grazie ai consensi di pubblico, che ha dimostrato interesse e gradimento per questa pellicola che ricostruisce i passi di un’inchiesta del Boston Globe un celebre caso di pedofilia da parte delle gerarchie ecclesiastiche avvenuto a Boston nel 2003.

La sceneggiatura del film, a cura del regista e di Josh Singer è stata realizzata nel 2013 e rimasta dormiente per quasi due anni.

Assieme a “Spotlight” nelle nostre sale è uscito “Truth”, altra ricostruzione, relativa ad un’inchiesta sul passato militare di George Bush jr.. Per entrambi i film il modello di richiamo resta “Tutti gli uomini del presidente”, inutile negarlo. Un prototipo influente quasi quanto “Quarto Potere” di Welles (che era già una straordinaria inchiesta giornalistica, tra le tante altre cose). Naturalmente ciò non è assolutamente un difetto.

Si può constatare, perlomeno questo è il mio parere, che “Spotlight” riesce molto meglio a fare centro di “Truth”, piatto resoconto con colpi di pathos abbastanza prevedibili.

“Spotlight” non sarà “di gran lunga il miglior film dell’anno” come recitano i flani ma è certamente un film sobrio, asciutto, ben recitato e condotto con misura e fiducia sulle possibilità del cinema civile in quanto tale, senza bisogno di ricatti emotivi. Che, tanto, la materia ne offre a iosa. Specie oggi, che gli scandali sessuali negli ambienti ecclesiastici, sono materia all’ordine del giorno, fino a sfociare quasi nel pettegolezzo di certe arene tv che tutto inglobano e livellano.

Le qualità di “Spotlight” sono rintracciabili nell’attenzione data alla scottante materia. Invece di un film tracotante, abbiamo una sottile, holmesiana inchiesta, che parte da un debole filo per rivelarsi macroscopica. E nell’adeguato trattamento del punto di vista della sessualità.

“Spotlight” prende in esame le problematiche del celibato e, man mano che i risultati dell’inchiesta letteralmente travolgono i giornalisti stessi, si mettono in scena, in particolar modo attraverso i dialoghi le qualità della vita sessuale degli ecclesiastici. Ben attento, il regista, a separare l’omosessualità e comunque tutte le identità sessuali dalle perversioni attuate dai preti della vicenda. Per i quali, più che di tendenze sessuali latenti, si tratta di sessualità repressa in toto e di sottili, perversi, giochi di potere e sopraffazione verso giovani di bassa estrazione sociale, soggetti deboli e privi di qualunque strumento per definirsi. Ragazzi per cui un prete poteva essere una personalità a cui affidarsi e a cui invece han dovuto offrire la propria giovinezza.

Tirando le somme “Spotlight” mantiene la promessa: non è un film melodrammatico e ricattatorio ma la sua sobrietà non compromette il pathos. Il cast (da Michael Keaton a Mark Ruffalo, Rachel McAdams, l’appassionato John Slattery un compassato Liev Schrieber, neo direttore del quotidiano, la cui origine ebraica sarà un punto cardine per la storia e un eccellente Tucci, nei panni di un avvocato a dir poco eroico) è perfettamente adeguato; il film è secco, senza scarti di stile e gusto. Non so dire se forse è sin troppo avaro ma di questi tempi e con uscite modeste come il cugino “Truth” la cosa non è di poco conto.

IL CASO SPOTLIGHT (Spotlight, 2015) 128 min., USA
regia Tom McCarthy
con Michael Keaton, Mark Ruffalo, Rachel McAdams, Stanley Tucci, Liev Schrieber, John Slattery

giovanni natoli cinema film

Giovanni Natoli

04/05/2016

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...

“Venezia è ingorda di denaro. Sarebbe l’ora di un progetto sostenibile”. Lettere

Io vengo saltuariamente a Venezia dove possiedo un mini appartamento comperato 15 anni fa. Amo Venezia la sua storia i suoi scorci e la sua arte. Mi sono riconosciuto in essa essendo discendente da famiglia istro-veneta. Purtroppo negli ultimi anni Venezia...

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

“Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Lettere

In risposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai soli veneziani, specialmente quelli di adesso che non l’hanno davvero fondata. Tanto sbraitano contro il turismo /petrolio della città, ma in fondo cos’altro...

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...