21.3 C
Venezia
domenica 26 Settembre 2021

Hacking Team attaccata dagli hacker

HomeCronacaHacking Team attaccata dagli hacker

Hacking Team attaccata diffusi documenti
Hacking Team, società italiana che vende programmi di sorveglianza a governi di tutto il mondo, coinvolta anche nello scandalo del Datagate, è finita nel mirino degli hacker.
Email e documenti riservati dell’azienda sono stati violati e pubblicati online, anche tramite il profilo Twitter, pure compromesso.

Gli hacker avrebbero reso disponibile un file da oltre 400 gigabyte di documenti sulle attività della società. Dai documenti trapelati emergerebbero i rapporti della società con governi – dal Sudan all’Arabia Saudita – di cui aveva in precedenza negato contatti e ci sarebbero evidenze della vendita dei suoi programmi di sorveglianza ad altre aziende private.

Hacking Team e il suo fondatore Christian Pozzi, riporta il sito The Next Web, hanno scritto in un tweet che il file messo online dagli hacker contiene virus e ha invitato a sospendere la diffusione di informazioni false. Al momento l’account Twitter di Pozzi non è più raggiungibile.
Hacking Team è specializzata in sicurezza informatica e fornisce consulenza a governi di tutto il mondo. Un’attività controversa già venuta alla ribalta nel periodo dello scandalo ‘Datagate’, in un rapporto della Ong Privacy International su centinaia di aziende private che vendono sistemi di intercettazione simili a quelli usati dalla NSA.

L’estate scorsa la società di sicurezza informatica Kaspersky Lab, insieme a Citizen Lab, proprio osservando i server di Hacking Team riteneva di aver scoperto una nuova generazione di virus informatici in grado di spiare smartphone Android e iOS pensata per colpire attivisti, difensori dei diritti umani, giornalisti.

Redazione

07/07/2015

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor