1.1 C
Venezia
mercoledì 27 Gennaio 2021

Nella guerra contro il Covid ieri abbiamo perso tutti: 993 morti

Ieri, giovedì, un altro dei record negativi di questi giorni: 993 decessi per Covid in sole 24 ore, il numero più alto ma verificatosi dall'inizio dell'epidemia.

Home Covid oggi Nella guerra contro il Covid ieri abbiamo perso tutti: 993 morti
sponsor

Nella guerra contro il Covid ieri abbiamo registrato il giorno più nero: 993 decessi per Covid in 24 ore. Non se ne erano mai verificati così tanti.
Il Veneto “giallo”, quello per cui non si è ritenuto di applicare restrizioni più severe, è ancora tra le regioni che registrano il maggior numero di contagi in un giorno. E’ addirittura al secondo posto dietro alla Lombardia prima.
Per chi vuole leggere questo dato in chiave positiva, si può dire che il Veneto il 17 ottobre 2020 era la prima regione per numero più alto di contagi in un giorno.
Lombardia, Veneto e Campania sono dunque oggi ancora le regioni che registrano il maggiore aumento di casi Covid nelle ultime 24 ore, rispettivamente con 3.751, 3.581 e 2.295 nuovi malati.
(A seguire, le altre regioni con il maggiore aumento di positivi sono il Piemonte (2.230), il Lazio (1.769) e l’Emilia Romagna (1.766).
Giovedì 3 ottobre, come detto, il giorno più nero nell’Italia della pandemia.
Un traguardo che sembrava essere alle spalle quando, era il 27 marzo scorso, furono registrati 969 morti in 24 ore. Una ecatombe.
Poco più di 8 mesi dopo, e la tregua dell’estate, arriva un altro giorno da tregenda.
Ieri, giovedì, un altro dei record negativi di questi giorni: 993 decessi per Covid in sole 24 ore, il numero più alto ma verificatosi dall’inizio dell’epidemia.
Nella sola Lombardia si sono registrate 347 vittime.
Il totale è di 58.038 persone uccise dal virus finora.
Un dato,

sponsor

quello di oggi, che viene detto ampiamente previsto dagli scienziati che seguono la curva del contagio.
“I decessi di adesso sono il risultato delle infezioni contratte un mese, un mese e mezzo fa”, quando il Sars-CoV2, che ha ripreso vigore tra agosto e settembre, ha ricominciato a galoppare.
Il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe pubblicato giovedì mattina segnala l’aumento di decessi nella settimana dal 25 novembre al primo dicembre: 5.055 morti rispetto ai 4.842 di quella precedente, con un incremento del 9,9%.
Stando all’analisi del matematico Giovanni Sebastiani, dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), “a livello di trend, l’incremento settimanale del numero dei morti, seppure in aumento, è in decelerazione. L’analisi effettuata prevede che il picco dell’incidenza giornaliera dei decessi dovrebbe essere raggiunto tra 5-10 giorni”.
Per quanto riguarda i contagi, i numeri forniti oggi dal Ministero della Salute, indicano che i tamponi risultati positivi nell’ultima giornata sono 23.225, contro i 20.709 di ieri. Resta stabile, al 10,2%, l’incidenza delle nuove persone risultate positive al Covid rispetto ai 226.729 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore. Ieri l’incidenza era al 10%.
Gli attualmente positivi sono 759.982 (-1.248), i guariti e dimessi 846.809 (+23.474).
Il totale dei casi è ora di 1.664.829.
In relazione all’ospedalizzazione, i pazienti che si trovano in terapia intensiva sono 3.597, 19 meno di ieri.
Si tratta in realtà, come sempre di un saldo tra ingressi e uscite, e

commercial

per la prima volta la tabella del Ministero della Salute indica il numero di ingressi in rianimazione nelle 24 ore, in questo caso 217.
I ricoverati nei reparti ordinari sono 31.772, in calo di 682 unità rispetto al giorno precedente.
La Puglia registra il maggior numero di nuovi ingressi in terapia intensiva (33).
In isolamento domiciliare a oggi ci sono 724.613 persone, 547 in meno di ieri.
“L’analisi dei dati conferma i trend della circolazione del virus, dell’impatto sulle strutture sanitarie e dei decessi – spiega Sebastiani – la circolazione del virus, misurata in termini della percentuale dei nuovi casi positivi sui nuovi casi testati, uno dei 21 indicatori utilizzati dal Cts per assegnare i “colori” alle regioni/province autonome, continua la fase di diminuzione iniziata il 14 novembre”.
E aggiunge: “Diminuisce anche l’impatto della circolazione del virus sulle strutture sanitarie. Infatti prosegue la diminuzione, iniziata attorno al 23-24 novembre, del numero di pazienti Covid ricoverati sia nei reparti ordinari che in terapia intensiva”.
Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, mette in evidenza che

per la settimana dal 25 novembre al primo dicembre “si conferma la riduzione dell’incremento percentuale dei casi totali (11,4% rispetto al 17,5%) a fronte di una sensibile riduzione dei casi testati (-13,6%).
Se il calo dei nuovi positivi da un lato è dunque attribuibile all’effetto delle misure introdotte, dall’altro risente dell’inspiegabile riduzione di quasi 106 mila casi testati”.
Secondo Cartabellotta, l’entità del miglioramento di alcuni parametri, “è sovrastimata sia da ritardi di notifica e completezza dei dati comunicati dalle Regioni” così come da una “diminuzione dei casi testati e dalla limitata esecuzione del tampone tra i contatti di positivi”.

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Venezia rialza la testa: si girano tre film

Venezia rialza la testa, al via le produzioni cinematografiche in città. Ciak, si gira. La laguna vuota e semideserta diventa un...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

Altro bambino di 9 anni muore con la corda al collo. Social, sfida, gioco: qual è la matrice di questa follia?

Un altro bambino, questa volta di 9 anni, è morto impiccato in casa. Espressione dura che descrive tutta la crudezza di questa follia che...

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...
commercial

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Covid: pazienti morti per colpa del medico? Dottore arrestato per improprio uso farmaci

Pazienti morti non per il Covid ma per colpa del medico? Un dottore è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari per questa ipotesi. Va...
sponsor

Coronavirus Venezia, la seconda ondata si sta ritirando

Coronavirus Venezia e provincia, la seconda ondata da segni di regressione. Il primo segno si può interpretare con il tasso di occupazione dei posti letto. I...

Giovane fermato alla guida, ma non ha mai preso la patente. In auto droga e Taser

Compagnia Carabinieri di Venezia Mestre attenta e presente nei controlli coordinati del centro città e periferia. Tra i vari reati accertati ieri la condotta grave...

Coronavirus Venezia, nuovi positivi con leggera ripresa

Coronavirus Venezia (e provincia) una giornata in chiaro-scuro quella che va dalle ore 17 di martedì alle ore 17 di mercoledì. In attesa che i...

All’esame di guida con l’equipaggiamento da spia: due suggeritori fuori davano risposte

A quanto pare in questo periodo gli stranieri le studiano tutte per superare l'esame di scuola guida senza la fatica di imparare. Dopo il nigeriano...

Il virus si fa ancora sentire: +14 terapie intensive. Esperto: un altro stop sarebbe meglio

Andamento Covid oggi: il virus si fa ancora sentire. +11.629 casi e 299 i morti in 24 ore. +14 i ricoveri nelle terapie intensive. Gli...
commercial

ZENO di Lorella Del Gesso [concorso letterario]

Il mio nome è Zeno, la mia età cinque anni. Vivo con Eleonora, che è la mia mamma, e Alan, il suo compagno, con cui...

Zuppa conservata male origina botulino: 40enne in rianimazione

Un uomo di 40 anni ha mangiato una zuppa scongelata ed è finito all'ospedale per intossicazione da botulino. L'incidente, che non ha responsabili se...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Ancora Legge n. 104. Cosa posso fare e non posso fare durante i giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap. Quali...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

Terremoto, i comuni più a rischio in Veneto: la mappa aggiornata

Terremoto, i comuni più a rischio in Veneto sono 11. La mappa delle zone sismiche della regione è stata aggiornata dalla giunta regionale, su...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.