Seconda Ondata Covid ha letalità più alta. Le spiegazioni degli esperti

ultima modifica: 19/11/2020 ore 10:39

469

Coronavirus, in Veneto sperimentazione farmaci a domicilio

Seconda Ondata Covid: una crescita sostenuta della letalità seppur in uno quadro di crescente linearità. Si muore di più, in parole povere, perché? Le spiegazioni degli esperti a fine giornata di mercoledì 18 novembre, un giorno in cui si sono registrati 753 morti, quando ancora si attendono gli effetti delle misure, tra Dpcm e provvedimenti regionali, con il verdetto è già chiaro: la guardia deve restare alta.
È una crescita lineare, ma che continua comunque a essere sostenuta, quella dell’epidemia di Covid-19 in Italia, che secondo i dati del ministero della Salute, mercoledì ha fatto registrare 34.283 casi positivi rilevati da 234.834 tamponi, con un rapporto ancora elevato, sebbene rispetto al giorno precedente sia sceso dal 15,4% al 14,5%.
Spicca proprio il dato relativo ai decessi, che con 753 toccano il numero più alto registrato in questa seconda ondata.
Resta alta la letalità,


ossia il rapporto fra i decessi e il numero dei casi positivi, probabilmente per effetto dei tanti che ormai sfuggono al tracciamento.
I ricoverati in terapia intensiva sono complessivamente 3.670.
Il quadro che emerge da questi dati continua a invitare alla prudenza e a tenere alta la guardia, in attesa di cominciare a vedere gli effetti dei Dpcm e dei provvedimenti adottati dalle Regioni.
Tra i segnali positivi c’è la riduzione del numero delle persone attualmente positive, da 16.026 a 9.358 in 24 ore, accanto all’aumento dei guariti o dimessi, da 15.434 a 24.169.
Il totale degli attuali positivi è di 743.168 e i guariti sono complessivamente 481.967.
Fra le regioni, ad avere i numeri più elevati è ancora la Lombardia con 7.633 casi positivi e un rapporto casi positivi tamponi del 20,03%; seguono Campania con 3.657 casi positivi (15,5%) e Piemonte con 3.281 casi positivi (18,4%).
“Ci troviamo di fronte a una crescita per incremento dei positivi,

ma è una crescita molto elevata, che ogni giorno conta circa 30.000 nuovi positivi e che in proiezione potrà vedere ancora molti decessi”, ha osservato il fisico Enzo Marinari, dell’Università Sapienza di Roma.
“Non è una situazione né serena né accettabile”, ha detto, e i dati indicano che “si sta ancora riuscendo a utilizzare le terapie intensive, ma ci stiamo avvicinando al limite”.
Nei prossimi giorni, inoltre, è da attendersi un aumento dei decessi perché, ha spiegato il fisico, “la stima del numero dei nuovi positivi ha un impatto a distanza di una decina di giorni sul numero dei decessi”.
Dello stesso avviso il microbiologo Andrea Crisanti, dell’Università di Padova, per il quale “abbiamo un alto numero di morti perché abbiamo tantissimi contagi”.
Il fatto positivo


è che non c’è più una crescita esponenziale e “si cominciano a vedere gli effetti delle misure di contenimento, che vanno rispettate”.
Eventuali misure di alleggerimento, per Marinari, “sono ancora da considerare con prudenza”.
Per il fine settimana, ha aggiunto, “dovremmo poter vedere gli effetti dei Dpcm e delle misure adottate a livello regionale. Finora abbiamo probabilmente visto soprattutto gli effetti dell’autoregolazione”.
Tuttavia, ha rilevato, è importante la comunicazione dei dati: “il problema della trasparenza è ormai un fatto sia scientifico che politico e sarebbe importante vedere meglio quanto si sta facendo”.
In Italia resta elevato anche l’indice di letalità, della pandemia di Covid-19, che dal 18 ottobre al 15 novembre è aumentato dall’1,25% all’1,70%, osserva il fisico Giorgio Sestili, fondatore e fra i coordinatori della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e analisi scientifiche”.
È un valore diverso dalla mortalità, che corrisponde al rapporto fra i decessi e la popolazione generale.
Se fino al 18 ottobre l’indice di letalità è stato dell’1,25%, “nelle ultime settimane è salito dall’1,34%


registrato dal 19 a 25 ottobre all’1,40% nella settimana dal 2 all’8 novembre e all’1,70% nella settimana dal 9 al 15 novembre”.
La causa più probabile è che “si stiano sottostimando i casi positivi, che aumentano più velocemente rispetto alla capacità di fare i tamponi: la letalità aumenta perché i casi in circolazione sono più di quelli che ci aspettiamo”.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here