4.9 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

“Gran Parte dello spopolamento è causato dall’avidità dei veneziani”. Lettere

HomeVeneziani"Gran Parte dello spopolamento è causato dall'avidità dei veneziani". Lettere
la notizia dopo la pubblicità

In risposta alla lettera: “Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’

Una gran parte della colpa dello spopolamento di Venezia è proprio dell’ avidità di tanti veneziani che ha portato e continua a portare al suicidio la mia città .

Storicamente l’ esodo si è attuato in più fasi.

La prima con” l’ acqua granda” del 1966 con la scomparsa delle abitazioni al “piano terra” e la fuga a Mestre attirati come specchio per le allodole dalle case moderne dotate di maggiori confort rispetto alle veneziane;

la seconda ,vissuta in prima persona dal sottoscritto, con l’introduzione dell’equo canone che ha fatto scomparire praticamente del tutto il mercato delle locazioni.
In quel periodo inoltre con il parallelo aumento dei prezzi delle abitazioni c’è stata da parte di tanti veneziani una vera e propria gara a vendere al rialzo la propria casa per poi trasferirsi in terraferma.

La terza con la ripresa a fine anni 70 del Carnevale fino allora praticamente assente nato all’origine da noi veneziani residenti e poi prostituito al turismo;

Infine la quarta con la nascita delle locazioni turistiche vera e propria lebbra di questa città.

Il sottoscritto è ritornato ad abitare a Venezia dopo 30 anni di “esilio “a Mestre, per la morte purtroppo dei genitori che per di più mi hanno lasciato i soldi per ristrutturare la casa ereditata come figlio unico e me la tengo stretta.

In tutti questi anni le giunte succedutesi non hanno fatto nulla se non peggiorare la situazione.

Purtroppo invece di una luce in fondo al tunnel vedo sempre di più il fondo sempre più vicino di un orrido pozzo.

m.b.
(lettera firmata)

continua a leggere dopo la pubblicità

» leggi anche: “La colpa è dei veneziani”: non accetto più frasi come queste. Lettere

» leggi anche: “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Concordo pienamente. Anche la mia famiglia ha vissuto il passaggio da un canone di affitto ragionevole a uno disumano, architettato appositamente per cacciare via gli affittuari veneziani e mettere dentro, in primis (in un’epoca ancora antecedente al fiorire degli affittacamere per turisti), studenti, con contratti formalmente ineccepibili ma con un nero spaventoso. Poi gli studenti a loro volta subaffitta(va)no, e via di illegalità su illegalità… Il carnevale dei primissimi anni 80, che, vero, era anche fatto di sporcizia, gente ubriaca, degrado, era però, o almeno così è rimasto nei miei ricordi di bambino, ancora una festa allegra, spontanea,fatta per lo più di bambini, appunto, con pochi sponsor, quasi nessun ospite internazionale ingaggiato per volare imbragato dal campanile, ecc. Invece negli anni 80 direi che forse un momento chiave per capire quale strada avesse definitivamente preso la città, in rapporto al turismo, fu la calata, a mo di Unni, dei saccopelisti che scelsero i gradini della stazione come area di campeggio!!!

  2. Condivido, con qualche precisazione:
    -Il mercato delle locazioni dopo l’equo canone non era sparito, ma era subentrata la L. 431 del 1998 (“patti in deroga”) che prevedeva due tipi di contratti: uno “calmierato di 3+2 anni con affitto concordato, uno 4+4 a canone libero.
    Questo ha causato l’impennata dei prezzi (essendo quello concordato non sufficientemente conveniente anche come benefici fiscali) divenuti inaccessibili ai più.
    I miei genitori si erano visti passare progressivamente l’affitto, con cambio di contratto a 4+4 anni) da 200 mila lire a 900 mila lire, poi diventati 1 milione e duecento mila… !

    -Il carnevale di massa che ha attratto a Venezia migliaia di persone è stato quello “da discoteca” dal 1979, in seguito al problema delle battaglie con la farina che i giovani veneziani annoiati hanno iniziato a fare per divertirsi un pò rispetto alla noia che c’era in quei periodi.
    Ciò poi era degenerato portando a scori tra bande, imbrattamento di pellicce delle signore, fino a portare al bando della vendita di farina in quel periodo…

    E’ da lì che il Carnevale di Venezia è diventato famoso dapprima tra i giovani, che venivano solo a ballare (con conseguenze devastanti:
    “ballavano” anche gli appartamenti e ii relativi lampadari anche a 100 metri dalla piazza, per non parlare di ubriacature, uso di droghe, maree di bottiglie rotte a terra, urine e feci nelle calli diventati vespasiani), poi perché si sbizzarrivano a creare i vestiti più particolari, fino ad “evolversi in carnevale” di maschere belle e particolari aumentando esponenzialmente il turismo…

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...