7 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

Furti nelle tombe al cimitero di Mestre, era la ditta delle lampade votive

HomeQuando proprio non te lo aspettiFurti nelle tombe al cimitero di Mestre, era la ditta delle lampade votive
la notizia dopo la pubblicità

Dapprima il furto dei fiori dal loculo del proprio congiunto e da ultimo la sottrazione della lampada votiva. La polizia risolve il giallo con le telecamere

Jesolo, furti al cimitero: presto sistema di videosorveglianza

Sconcerto, turbamento ed angoscia, questi i sentimenti con cui tre cittadini di Mestre hanno reso denuncia ai poliziotti dell’omonimo Commissariato in merito ad alcuni furti avvenuti presso il locale cimitero comunale, sulle tombe dei loro congiunti.

Tutto ha inizio ai primi di maggio, quando una delle vittime, stanca di aver ripetutamente subito dapprima il furto dei fiori dal loculo del proprio congiunto e da ultimo la sottrazione della lampada votiva, si decide a informarne gli agenti del Commissariato di Polizia di Mestre che raccolgono la denuncia e fanno scattare le indagini con l’installazione di videocamere, utili ad incastrare i manolesta.

Nel frattempo la stessa vittima incarica del ripristino della lampada votiva la stessa ditta alla quale in precedenza ne aveva commissionato l’acquisto.

Qualche settimana dopo dalle indagini a chiamare i medesimi poliziotti è il responsabile del cimitero comunale il quale informa gli investigatori di aver ricevuto una comunicazione scritta da parte dei titolari della ditta preposta ai lavori di ripristino della menzionata lampada votiva, in cui gli stessi segnalavano che da un loculo situato in fianco a quello dove loro stavano operando, era stata asportata la fiamma in vetro che l’abbelliva.

In verità, quella segnalazione scritta si è poi rivelata solo pretestuosa in quanto, come permetterà di accertate l’esame delle riprese delle videocamere installate, ad effettuare il furto segnalato erano stati proprio i due titolari della ditta.

Ad essere inchiodati per il furto, come pure per altri due episodi furtivi (la sottrazione di due guarnizioni da un’altra tomba e l’asportazione di una fiamma in vetro da un altro loculo) sono stati proprio i titolari di quella ditta, immortalati dalle citate telecamere.

Alla luce dei filmati in questione gli agenti del Commissariato hanno convocato presso i loro uffici i due che in un primo momento hanno negato ogni addebito. Successivamente uno dei due ha ammesso le proprie responsabilità senza però volerne rendere formale dichiarazione.

Il loro comportamento, che ravvisa la fattispecie del reato di “furto aggravato”, è stato segnalato, con denuncia in stato di libertà, alla locale all’Autorità.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”