lunedì 17 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Furti davanti ai cimiteri, ricettazione e violenza. Associazione per delinquere con 4 minori, scattano gli arresti

HomearrestiFurti davanti ai cimiteri, ricettazione e violenza. Associazione per delinquere con 4 minori, scattano gli arresti

Mira, arrestato per violenza sessuale su minorenne noto pregiudicato

Furti in casa e nelle auto in sosta, soprattutto davanti ai cimiteri e supermercati. Ladri che rubavano carte di credito da cui poi prelevavano tutto e oggetti che poi finivano nel mercato della ricettazione e viaggiavano fino in Marocco.

Un sistema ormai consolidato che fruttava bene grazie ad un’organizzazione criminale: oltre un milione e mezzo di euro in circa due anni.
E’ stata sgominata dai carabinieri un’associazione per delinquere di sinti italiani che operava in tutto il Nord Italia: un’indagine partita nel 2018 e conclusasi stamattina con 8 arresti e 15 indagati, di cui 4 minori.

L’indagine nasce dalla denuncia sporta dalla convivente di uno dei malviventi per “maltrattamenti in famiglia” anche mentre la donna era in gravidanza, vessazioni non solo da parte del compagno ma anche dei suoceri, tutti e tre componenti della stessa associazione a delinquere e della stessa comunità sinti. La donna si trova ora in un centro antiviolenza in situazione protetta.

All’alba di questa mattina è scattata l’operazione “Revenge”: nelle province di Venezia, Verona, Piacenza e Rovigo, circa 100 carabinieri del Comando Provinciale di Venezia e degli altri Comandi Provinciali interessati, con l’ausilio del 4° Battaglione “Veneto”, nonché del 14° Nucleo Elicotteri di Belluno e del Nucleo Cinofili di Torreglia (Pd), hanno eseguito 8 misure di custodia cautelare, di cui 6 in carcere e 2 agli arresti domiciliari, emesse dal Gip del Tribunale di Venezia. Gli arresti su richiesta della Procura lagunare nei confronti di altrettanti soggetti di nazionalità italiana di etnia “sinti” e di un marocchino, ritenuti responsabili a vario titolo di “Associazione per delinquere”, “Furto aggravato”, “Ricettazione”, “Indebito utilizzo di carte di pagamento”, “Maltrattamenti in famiglia”, “Lesioni personali” e “Acquisto e vendita di arma con munizionamento”.

Sono in corso le perquisizioni domiciliari a carico dei soggetti arrestati e di altre 15 persone, tutte italiane, di cui 4 minorenni per cui procede la Procura per i Minorenni di Venezia, indagate per gli stessi reati.

L’attività investigativa, condotta dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Venezia tra settembre 2018 e ottobre 2019 su appartenenti a comunità sinti residenti a Cavarzere (Ve), Mestre e Verona, ha consentito di evidenziare gravi indizi di colpevolezza a carico degli arrestati per aver costituito un’associazione per delinquere dedita ai furti in abitazione e su automezzi in sosta, soprattutto nei paraggi di supermercati e cimiteri, delineando la responsabilità in ordine a oltre 100 fatti reato, commessi in numerose provincie di Veneto, Lombardia e Emilia Romagna. Il danno complessivo è di oltre mezzo milione di euro ai danni delle vittime.

Si è riusciti inoltre a risalire al canale di ricettazione del materiale rubato, individuando un uomo marocchino, residente a Noventa Padovana (Pd), che destinava la refurtiva al proprio paese natale. E’ stato accertato l’indebito utilizzo delle carte di pagamento asportate nel corso delle azioni delittuose con prelievi per oltre 50.000 euro. Durante le indagini è stata individuata e sottoposta a sequestro refurtiva per un valore di circa 100.000 euro.

E’ stato inoltre appurato l’acquisto di una pistola semiautomatica con le munizioni da parte di un componente della banda.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.

No Vax in strada a Verona, c’è anche il prete: “Draghi e Brunetta, andrete all’inferno”

No Vax e proteste a Verona: in mille in corteo tra cui anche un sacerdote no vax. Si è svolto infatti oggi l'ennesimo pomeriggio di protesta da parte degli schieramenti No Green Pass - No Vax a Verona, dove si sono...

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...