Flash Mob: decine di ‘Uomini Vitruviani’ ieri all’Accademia

530

Flash Mob: decine di 'Uomini Vitruviani' ieri all'Accademia

Flash mob sabato mattina: decine di persone hanno aderito spontaneamente all’invito social e di molti commercianti al motto: “Mi No Vado Via“, questa volta riferito non a residenti costretti all’esodo bensì al disegno di Leonardo che ora verrà ‘prestato’ d’imperio al Louvre di Parigi.

La manifestazione ha visto pacificamente schierate le persone con le copie del capolavoro in mano, le stesse che poi hanno inscenato la posizione prospettica disegnata da Leonardo Da Vinci.

Telegiornali e testate nazionali hanno ripreso la notizia, l’obiettivo è stato quindi raggiunto: rivegliare dal torpore per evitare che il fatto passi sotto silenzio.

Italia Nostra aveva addirittura parlato di trasferimento dell’opera fuori-legge. “Il timore è che sia troppo fragile e che affrontare il viaggio sia pericoloso” spiega Marco Gasparinetti portavoce del Gruppo25Aprile Venezia.

Italia Nostra ha anche reso noto che sta per avviare un ricorso al Tar, dopo aver ricevuto la documentazione sullo stato di conservazione dell’opera. Ci sarebbero ben tre perizie che, secondo Italia Nostra, confermano “il grave stato di salute del disegno” e i rischi legati alla sua esposizione prolungata alla luce. L’Uomo Vitruviano è uscito dal suo spazio dedicato (buio e con controllo di umidità costante) poco tempo fa ed ora “necessita – dice Italia Nostra – del giusto tempo di riposo”.

L’Uomo Vitruviano, disegno a inchiostro su carta risalibile al 1490 circa, secondo le perizie e i protocolli per il mantenimento delle opere d’arte, dopo l’ultima esposizione dovrebbe seguire la prescrizione per cui “riposa” per un determinato periodo di tempo in un ambiente buio a temperatura e grado di umidità controllato. Invece, tra qualche giorno, sarà nuovamente esposto al Louvre di Parigi.

Paolo Pradolin

(foto: Elena Riu)

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here