sabato 22 Gennaio 2022
1.9 C
Venezia

Fausta Bonino, l’infermiera accusata per le morti sospette, torna libera

HomeCronacaFausta Bonino, l'infermiera accusata per le morti sospette, torna libera

Fausta Bonino, l'infermiera accusata per le morti sospette, torna libera

Fausta Bonino, 55 anni, infermiera di origini piemontesi, una vita e una famiglia a Piombino, è tornata una donna libera. La donna era detenuta per le morti sospette in ospedale.

Il Tribunale del riesame di Firenze ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare del gip di Livorno. Le motivazioni non sono ancora pubbliche, ma è chiaro che una decisione così clamorosa è un macigno che potrebbe pesare sulle indagini e sull’eventuale richiesta di rinvio a giudizio.

21 giorni trascorsi nel carcere don Bosco di Pisa e l’infermiera accusata di aver provocato la morte di 13 pazienti nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Piombino (Livorno), con dosi letali di eparina, è tornata libera, a casa.

Lo ha fatto dopo aver ricevuto dal direttore del don Bosco la notizia della decisione del tribunale del riesame di Firenze che ha annullato l’ordinanza di arresto: “Sono libera, vieni a prendermi, torno a casa”, ha detto telefonando al marito Renato Di Biagio. L’uomo, che ha sempre creduto all’innocenza della moglie, l’ha attesa tra le mura domestiche.

A prenderla ha preferito mandare uno dei figli, e contemporaneamente ha avvertito l’avvocato Cesarina Barghini che la settimana scorsa ai giudici del riesame aveva portato i primi risultati di una perizia ematologica dalla quale, secondo quanto aveva spiegato il legale, emergerebbe che non tutti i 13 decessi al centro delle indagini dei carabinieri del Nas, registrati tra il 2014 e il 2015 nel reparto, sarebbero dovuti a ‘bombe’ di eparina.

“Giuro sui miei figli: sono innocente”, ha sempre detto l’infermiera, che, secondo quanto riferito dal suo legale ha detto: “finalmente la giustizia comincia a funzionare”.

L’avvocato, che non ha ancora visto quanto notificato dai giudici fiorentini (il 4 aprile scorso la richiesta di scarcerazione era stata respinta dal gip del tribunale di Livorno Antonio Pirato), è chiaramente soddisfatta: “per Fausta Bonino sarà più facile affrontare tutto quello che abbiamo davanti”, spiega sempre più convinta che l’inchiesta sia stata “superficiale”.

Un’indagine difficile, quella delle morti sospette in ospedale, che il Nas aveva avviato dopo le notizie avute dalla direzione sanitaria dell’ospedale: i primi sospetti nel gennaio 2015. Nel 2014 erano stati 8 i pazienti deceduti per problemi di coagulazione ma solo nel maggio del 2015, quando arrivarono i risultati delle analisi chieste all’ospedale di Careggi a Firenze, partì la segnalazione alla procura e ai carabinieri.

L’ultimo decesso sospetto il 29 settembre 2015: pochi giorni dopo Fausta Bonino venne trasferita di reparto e in rianimazione la percentuale dei decessi tornò nella media regionale. Poi il 31 marzo scorso l’arresto della donna all’aeroporto di Pisa, dove era appena atterrata al ritorno da una breve vacanza con il marito.

Per la procura (il pm Massimo Mannucci è il titolare dell’inchiesta) l’accusa era sostenibile grazie all’incrocio delle cartelle cliniche, agli esami del sangue ai pazienti, alla verifica dei turni nel reparto e anche a qualche problema di salute psichica. Accusa, quest’ultima, che il suo legale era pronta a confutare con una perizia psichiatrica: “la mia cliente non è pazza”, aveva ribadito anche la settimana scorsa.

Fausta Bonini, formalmente, resta indagata ma affronterà l’inchiesta da donna libera e questo era l’obiettivo della difesa che ha sempre contestato il teorema costruito sulla donna per molti già colpevole di omicidi terribili. I giudici del riesame, quantomeno, sono convinti che servano più prove per sostenere queste accuse.

Mario Nascimbeni

21/04/2016

(cod infepio)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

No Vax in strada a Verona, c’è anche il prete: “Draghi e Brunetta, andrete all’inferno”

No Vax e proteste a Verona: in mille in corteo tra cui anche un sacerdote no vax. Si è svolto infatti oggi l'ennesimo pomeriggio di protesta da parte degli schieramenti No Green Pass - No Vax a Verona, dove si sono...

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.