0.2 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

“E per i Musei Civici è ancora tutto fermo”. Di Monica sambo

HomeL'opinione"E per i Musei Civici è ancora tutto fermo". Di Monica sambo
la notizia dopo la pubblicità

Ieri abbiamo affrontato in commissione le interrogazioni che avevamo depositato in merito ai musei civici di Venezia.
La risposta data dall’assessore è lontanissima da qualunque visione di futuro per la fondazione e per la città.

Infatti dopo oltre un anno i Musei di Venezia sono solo parzialmente aperti con giornate e orari ridotti, pensiamo che musei centrali come Ca’ Pesaro sono aperti solo dal giovedì alla domenica.

In questo modo è stata danneggiata la città ma anche i suoi residenti, data la mancanza di visione e di volontà di garantire un servizio pubblico essenziale.

Come è possibile che in una città come Venezia ci siano ancora musei chiusi o con orari ridotti? Questa gestione è assolutamente inspiegabile anche a fronte dei risultati di bilancio

Durante la Commissione infatti è stato chiarito che in questi anni (anche di pandemia) gli utili della Fondazione sono stati messi a riserva e ad oggi ammontano a 5 milioni e mezzo, e che seppur in difficoltà l’anno scorso la fondazione ha chiuso in attivo.

Per l’assessore e la Giunta però l’unica cosa importante è salvaguardare l’utile, anche se questo entra in netto contrasto con l’impiego di oltre mezzo milione di euro per la mostra per i 1600 anni per venezia a Palazzo Ducale, a riprova che il problema non sono le risorse ma la volontà di utilizzo e di prospettiva.

E’ vergognoso che ad oggi non tutti i lavoratori dei musei civici siano tornati al lavoro, soprattutto per quanto riguarda le attività scientifiche di programmazione e di catalogazione.

Come può essere ancora giustificabile l’utilizzo della cassa integrazione, probabilmente anche per il 2022 come dichiarato in commissione ?

E’ bene inoltre ricordare che il governo ha stanziato più di 8 milioni di euro solo per i musei civici di Venezia, contribuendo a garantire la tenuta economica della fondazione, che ricordiamo ha avuto un bilancio in attivo nel 2020, il governo ha inoltre riconosciuto ulteriori 4 milioni di euro nel 2021 (che potrebbero aumentare).

Anche di fronte a queste ingenti risorse il Comune non ha adottato alcun piano per ripensare anche ad una offerta culturale diversa aperta alla città e ai suoi residenti, con orari e attività diversificate, oltre che un investimento su un turismo più consapevole.

Il Comune è rimasto alla finestra, senza fare alcun investimento sulla cultura, anzi chiudendo tutte le attività della Fondazione, ma soprattutto senza voler affrontare quelle che potevano essere nuove e lungimiranti politiche per questa città

Monica Sambo

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Detto che il sindaco amministra per talento personale la cosa pubblica come se fosse privata e che è lui il decisore unico nel territorio che comanda o amministra che dir si voglia, i conti sono presto fatti.
    La bigliettazione nei musei sarà vantaggiosa una volta che sarà tornato il turismo di massa. Per ora sarà opportuno veleggiare a vele mezze spiegate, sperando nei ristori di fine anno e contando su qualche ponte festivo.
    Poco importa la funzione che un museo dovrebbe avere e che da altre parti ha, rispetto al tessuto sociale, culturale, di una città dei suoi abitanti e dei suoi turisti.
    E che non si dica che aprire un museo è molto di più che mettere la chiave nella serratura, e aprire la porta. Sia mai.
    Sarebbe stato bello osservare la produzione di qualche bella iniziativa culturale nella nostra città. Che ne so, rispolverare qualche bel dipinto custodito, fargli prendere aria e mostrarlo al pubblico magari costruendoci un titolo, una motivazione. Fare eventi culturali no zucche di Halloween.
    Insomma volontà, capacità e marketing. Mancanze recenti del Muve.(musei veneziani, fu creato questo acronimo per dare l’idea del movimento.. Dall’inglese Move.. Me lo dissero ad una inaugurazione.)
    Comunque la volontà manca e sull’unica produzione museale, Venezia 1600, sono stati spesi parecchi dobloni per consulenze esterne e ora non vi entra nessuno,
    (vista due volte, visitatori scarsissimi e il palazzo ducale era una bolgia)perché a forza di demotivare i visitatori rispetto alla proposta culturale, il visitatore non ti crede più,non la vuole più perché non ti crede.
    Poi è l’anagrafe che ci dice che non ci sono più i Franzoi, i Romanelli, i Fuso, i Tonini e l’indimenticabile Pedrocco. Grandi direttori, ricordo la grande riapertura di Ca ‘ Rezzonico.
    Sono anziano, non passatista.
    Chi sa allestire e curare una mostra tout court, senza richiedere aiuto esterno? E a chi verrebbe permesso farlo?
    Magari i cassaintegrati..
    Dispiace che ci siano delle competenze male utilizzate. Ma fino a che non si MUVE il sindaco, rimarrà così e forse anche dopo perché è stato votato con grandi percentuali, ce ne sarà un’altro come lui. Si vede che l’imprenditoria piace ma la cosa pubblica è tutt’altro.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...