30.1 C
Venezia
lunedì 26 Luglio 2021

Droga durante lockdown? Consegnata a domicilio

HomeDall' ItaliaDroga durante lockdown? Consegnata a domicilio

La droga durante il lockdown viaggiava con il sistema della consegne a domicilio.
Come fosse un libro, o un oggetto per la casa, il pacchetto arrivava con un corriere.
Per questo stamattina all’alba i carabinieri hanno eseguito 14 misure cautelari nel Torinese.
Il sistema, semplice quanto ingegnoso, permetteva al mercato dello spaccio di non fermarsi durante i giorni in cui non si poteva uscire.
La droga, durante il lockdown, arrivava a domicilio grazie a corrieri giovani e incensurati.
Dalle prime ore di oggi, dunque, i carabinieri del Comando Provinciale di Torino stanno eseguendo una serie di misure cautelari nei confronti di tredici italiani e un colombiano.
Sono loro ad essere ritenuti responsabili di concorso in traffico, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. L’indagine, condotta tra maggio e novembre 2020 dai carabinieri di Venaria Reale, ha portato alla luce l’esistenza di un’organizzazione che agiva nell’hinterland torinese, con base operativa

nel quartiere Barriera Milano a Torino.
Il gruppo riforniva di hashish e marijuana i pusher che consegnavano a domicilio, o in luoghi pubblici, le dosi ai clienti.
Durante l’inchiesta i militari dell’Arma hanno arrestato tre pusher e sequestrato complessivamente 10,5 chili di hashish e 1,4 chili di marijuana, oltre a mille euro ritenuti provento dell’attività illecita.
L’idea dello stupefacente consegnato a domicilio, in realtà, non deve tuttavia essere considerata un’idea nuova.
Anche altre organizzazioni criminali che si erano così organizzate per non interrompere il traffico illegale.
A Venezia a fine marzo una brillante operazione dei carabinieri diretti dalla Procura Distrettuale Antimafia di Venezia aveva permesso di smantellare un’importante organizzazione criminale dedita allo spaccio, ad esempio.

La droga a Venezia viaggiava e veniva consegnata con barche e barchini con una rete che si dipanava anche nella terraferma veneziana, con attività a Mestre e Marghera.
Veneziani e italiani, come quelli con i barchini, erano solo i piccoli pusher a contatto con i consumatori.
Sopra di loro gli “intermediari”, spacciatori più professionali che cambiavano le schede telefoniche prima di mettersi in contatto con i più grossi trafficanti: albanesi che gestivano forniture per un totale di due chili al mese di cocaina con alto livello di purezza (80%) e consegne di quantità tra i 50 e i 500 grammi.
Il traffico di stupefacente scoperto dall’indagine è stato notevole e ha portato all’arresto di 16 persone (14 in carcere, 2 ai domiciliari).

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.