19.8 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

Dov’è Saman? Scoperta una foto in cui ha un livido sotto l’occhio

HomeOmicidi e assassiniDov'è Saman? Scoperta una foto in cui ha un livido sotto l'occhio

Dov’è Saman? I giorni passano, ne sono passati ben 50 e si scava ancora.
Venerdì mattina un sussulto: le ricerche di quello che si pensa verosimilmente il cadavere di Saman Abbas hanno vissuto momenti di concitazione.
L’elettromagnetometro, utilizzato per verificare eventuali irregolarità nel terreno, ha dato riscontri in un punto tra due serre.
I cani addestrati arrivati dalla Svizzera sembravano confermare di aver trovato una traccia.
Lo scavo, però, con una ruspa bobcat, non ha portato a nulla: falso allarme.
Le operazioni proseguono, nonostante il caldo di questi giorni nella bassa.
L’area di ricerca nelle campagne di Novellara, vicino al casolare dove viveva la famiglia della 18enne pachistana e dove da giorni sono impegnati i carabinieri, è stata circoscritta ulteriormente e sono una ventina i punti che nelle prossime ore saranno verificati uno a uno, sulla base delle indicazioni strumentali.

“Stiamo facendo questi approfondimenti, dureranno ancora un po’ di tempo – ha spiegato al Tgr Rai Emilia-Romagna il colonnello Cristiano Desideri, comandante provinciale dell’Arma di Reggio Emilia – perché bisogna isolare alcune zone e effettuare perforazioni per verificare”.
Le indagini sull’omicidio – si pensa che la ragazza sia stata uccisa dalla famiglia, alla quale si era ribellata – proseguono in maniera riservata.
Oltre alle ricerche del corpo, ci sono quelle degli indagati.
Prima di tutto in Europa, per lo zio della ragazza, Danish Hasnain e il cugino Nomanulhaq Nomanulhaq, fuggiti il 10 maggio.
Più complesse quelle in Pakistan, per i genitori, Shabbar Abbas e Nazia Shahenn, volati via il primo maggio.
In carcere a Reggio Emilia c’è sempre il secondo cugino, l’unico degli indagati a essere stato arrestato, Ikram Ijaz.

Tra gli spunti seguiti dagli investigatori coordinati dal pm Laura Galli ci sono le dichiarazioni del fidanzato delle 18enne, un pakistano residente in un’altra regione.
La trasmissione televisiva Dritto e Rovescio su Rete4 ha mostrato le immagini, di pochi secondi, dove si vede il padre di Saman, con una giacca blu e uno zio materno con uno scialle marrone, a gennaio in Pakistan, incontrare proprio il fratello del fidanzato.

Di questo incontro aveva parlato anche la ragazza ai carabinieri il 22 aprile, pochi giorni prima di sparire: Saman aveva infatti raccontato del viaggio del padre e dello zio in Pakistan per incontrare il fratello del suo ragazzo e delle minacce che avrebbero fatto, ossia di uccidere il suo fidanzato e tutta la sua famiglia se non l’avesse lasciata.

Il fidanzato, poi, come riferito a Chi l’ha visto, ha consegnato ai militari una foto della ragazza con un livido, un segno rosso sul volto, il segno di una percossa su una guancia.
A suo dire Saman avrebbe incolpato del gesto un parente, rimasto a Novellara, il quale ha negato: ha detto di non essere stato lui e di non aver niente a che fare con la sparizione della ragazza.

Le indagini stanno poi concentrandosi anche su due zie all’estero, che avrebbero fatto pressioni sul fratello minorenne di Saman, ora in una comunità protetta, affinché tacesse.
Ma le sue parole, prima ai carabinieri e poi ribadite in incidente probatorio, hanno indicato nello zio Danish l’esecutore materiale del delitto.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.