24 C
Venezia
domenica 01 Agosto 2021

Donna ricattata per le foto sexy: dammi i soldi o le pubblico in rete. Condannato

HomeNotizie Venezia e MestreDonna ricattata per le foto sexy: dammi i soldi o le pubblico in rete. Condannato

Donna ricattata per le foto sexy: dammi i soldi o le pubblico in rete. Condannato

“Filippo”, nome scelto da un individuo per ricattare una donna. E’ uno dei soliti ignoti (che prima o poi diventano noti), che frequentano Facebook e affini, attraverso i quali conosce una donna e non si sa con quali argomentazioni la convince a posare e fotografarsi in posizioni hard.

“Filippo”, nato a Napoli, abita a Carpenedo e la donna nel bellunese. Di rito, per questi “individui” il ricatto, la richiesta di soldi e la minaccia di mostrare le foto al marito, al datore di lavoro e diffuse in rete. Lo aiuta un’amica che con complicità raddoppia le minacce, pretende 5mila euro dal marito della donna che è rimasta impigliata nell’ingranaggio delinquenziale. Vuole essere pagato con Postepay, impartisce ordini e avvertimenti, sa di avere il coltello dalla parte del manico.

Ma non tutte le ciambelle riescono col buco, ed ecco che la vittima dell’incosciente patto va alla polizia e racconta tutto, denuncia gli avvenimenti. Ne consegue il procedimento penale che ha assegnato a “Filippo” due anni di reclusione (patteggiati) e 700 euro di multa con la condizionale, nonché al pagamento delle spese legali.

La sua amica sarà giudicata con rito abbreviato in considerazione della certificazione medica presentata, che avvalora lo stato psicologico turbato e le condizioni di salute precarie, provocato dalla vicenda di cui si è resa irresponsabilmente complice.

La coppia violata chiederà il risarcimento danni per le conseguenze di atti che hanno provocato tanta sofferenza e minato il rapporto matrimoniale, oggi fortemente in crisi.

Andreina Corso

09/11/2016

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.