20.8 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Donna dimessa a piedi dal pronto soccorso di notte (poi morta), Lihard: verificare responsabilità

HomeUlss 3 Serenissima (ex Ulss 12 Veneziana)Donna dimessa a piedi dal pronto soccorso di notte (poi morta), Lihard: verificare responsabilità

Il Movimento per la difesa della Sanità Pubblica Veneziana è venuto a conoscenza della dolorosa trafila, conclusasi tragicamente, di una signora colta da malore presso il proprio domicilio del Lido.
Pare che, trasportata dal Punto di Primo Intervento del Lido e condotta con idroambulanza al Pronto Soccorso dell’Ospedale Civile, dopo l’intervento dei sanitari sia soltanto potuta rientrare a casa a piedi in piena notte, al freddo, in ciabatte e pigiama.
Al primo malore a distanza di alcune ore sarebbe seguito un nuovo malore che purtroppo ha portato la signora alla morte.
Ci si chiede

come sia stato possibile, in una città con le caratteristiche di Venezia, con i suoi ben noti problemi di trasporto da e verso le isole, lasciar rientrare con i suoi mezzi una persona in evidenti condizioni di disagio che, nella circostanza, aveva avuto bisogno di ricorrere al Pronto Soccorso.
Immaginiamo cosa potrebbe accadere se

disgraziatamente una persona di Burano o di Pellestrina dovesse finire improvvisamente all’Ospedale di Mestre! Chiediamo alla direzione della Azienda Sanitaria di verificare eventuali responsabilità nella circostanza descritta e quali provvedimenti intende prendere quando si presentino circostanze analoghe.
In attesa di una cortese risposta, porgiamo distinti saluti.

Per il Movimento della difesa della sanità pubblica veneziana,
Salvatore Lihard

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Ospedale Civile di Venezia quasi allo sbando!
    Sempre più polo museale e non luogo di cura!
    Che tristezza! Che rabbia!

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.