mercoledì 19 Gennaio 2022
0.6 C
Venezia

Disagio intenso per temperature e qualità dell’aria a Ferragosto e per ancora 48 ore

HomecaldoDisagio intenso per temperature e qualità dell'aria a Ferragosto e per ancora 48 ore

Fa troppo caldo, a Venezia e ovunque. In sintesi: quando cambia?
La Protezione civile del Comune di Venezia, sulla base dei dati rilevati dall’Arpav conferma, in buona sostanza, che continua da ieri, sabato 14 agosto, clima afoso con disagio intenso.
La qualità dell’aria potrà arrivare ad essere scadente su molte zone interne della Regione.
Per oggi, domenica 15 agosto, è previsto ovunque disagio fisico “intenso” a livello giornaliero e qualità dell’aria “scadente” sulle zone pedemontane e pianeggianti.
Lunedì 16 agosto, fortunatamente, le condizioni di disagio fisico saranno in miglioramento però sulle zone montane e a partire dal pomeriggio.
Le condizioni di disagio persisteranno sulla pianura, pedemontana e costa.
Una generale attenuazione del disagio si potrà avere, quindi, da martedì.

PREVISIONI A LIVELLO GENERALE

Presto, nell’arco della prossima settimana, torneremo a uscire nelle ore centrali della giornata e a dormire sonni più tranquilli.
Lucicero, l’anticiclone che ha arroventato l’Italia, in buona sostanza ha i giorni contati.
Il suo strapotere è giunto al massimo proprio oggi, giorno di Ferragosto, e poi successivamente abbandonerà lentamente l’Italia.
La domenica di Ferragosto sarà bollente, soleggiata e anche afosa.
E il ministero della Salute conferma a quota 16 le città col bollino rosso per il giorno dell’Assunta (Ancona; Bari; Bologna; Bolzano; Brescia; Campobasso; Firenze; Frosinone, Latina, Napoli, Palermo; Perugia; Rieti; Roma; Trieste, e Viterbo).
Attese di conseguenza file ai pronto soccorso, soprattutto per i soggetti più fragili come gli anziani.
A rischio disidratazione e colpi di calore anche gli animali di compagnia, soprattutto quelli di piccola taglia.

A Ferragosto l’anticiclone africano dominante ci terrà dunque ancora sotto scacco.
Sole e caldo ovunque, salvo isolati annuvolamenti mattutini (anche compatti) lungo il corso del fiume Po tra Lombardia ed Emilia e ad alcuni temporali pomeridiani in provincia di Sondrio, sulla Val Pusteria, sulle Dolomiti bellunesi e verso la tarda serata pure sull’alto bresciano e l’alto bergamasco.
Venti deboli da direzioni variabili.
Il caldo si sentirà un po’ ovunque; 37-39 gradi sono previsti a Firenze, Roma, Bologna, Pavia, Mantova, Verona, Rovigo, Macerata, Caserta, Taranto e su tante altre città.


 

Da lunedì la situazione cambierà. Il flusso più fresco Nordeuropeo prenderà coraggio e comincerà a scendere di latitudine sgretolando lentamente la cupola anticiclonica africana.
I primi temporali non tarderanno a colpire gran parte delle Alpi, quindi delle Prealpi e localmente pure le alte pianure lombarde e venete.

Si avvertirà quindi un primo calo termico.
Da martedì invece temporali a macchia di leopardo, ma piuttosto intensi, colpiranno il Nordest e le Marche, al loro seguito il vento di Maestrale farà calare le temperature anche di 10-12°C rispetto a questi giorni, specie al Centro-Nord.
Un più globale refrigerio dal caldo lo si avrà da giovedì quando anche al Sud i valori termici massimi saliranno soltanto di pochi gradi sopra i 30 diminuiti grazie al soffiare del Maestrale.


 

IL CALDO FA DANNI IN EUROPA

Il caldo quest’anno è stato da record assoluto (da quando sono possibili le misurazioni), ma non siamo certo gli unici ad averne sofferto.
Oltre all’Italia, anche la Spagna è alle prese con un’ondata di caldo rovente.
Temperature vicinissime o superiori ai record storici sono state registrate in diverse zone del Paese tra ieri e oggi.
Le massime fin qui rilevate nella vigilia di Ferragosto sono state toccate nelle province di Cordova e Siviglia, in Andalusia, e si sono spinte oltre i 46 gradi, secondo i dati provvisori dell’Agenzia Statale di Meteorologia (Aemet).

La temperatura più alta in assoluto registrata sbato è di 46.9 gradi: è stata rilevata alle 16.30 nella stazione meteorologica di Montoro (provincia di Cordova).
Se venisse confermata come misura valida, sarebbe pari a quella considerata ufficialmente come la massima storica della Spagna, registrata nel 2017 dalla stazione dell’aeroporto di Cordova.

Vedi anche:

Fa troppo caldo, in artico +20° sulla media, cosa sta succedendo?

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Da lunedì niente mezzi senza Super green pass: la rabbia dei residenti delle isole

Cattive nuove per gli abitanti nelle isole della laguna sprovvisti di Super green pass: da lunedì non potranno salire sui mezzi di trasporto. Vivere in un’isola e non poter salire sui mezzi di trasporto per recarsi al lavoro, andare a scuola, o...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

Malore improvviso: muore a 52 anni mentre parla col collega

Malore improvviso mentre parla con un collega. Una circostanza apparentemente inoffensiva e priva di pericoli che però, in questo caso, non ha egualmente lasciato scampo alla vittima. Luca Cogno aveva 52 anni e venerdì mattina si è sentito male mentre stava conversando...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

“Ma è normale che il marinaio Actv abbandoni una borsa trovata a bordo in un pontile deserto?”. Lettere

Mi piacerebbe capire se il seguente comportamento è normale: fatto avvenuto la sera del 12 dicembre, a bordo del motoscafo linea 4.1 delle ore 20,16 circa, partenza piazzale Roma, direzione Murano. Alla stazione una coppia scende e dimentica una borsa che il marinaio...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Quando i no vax finiscono in ospedale e cambiano idea sul vaccino. Di Andreina Corso

Aumentano di giorno in giorno le persone contrarie al vaccino, colpite dal Covid, che dopo un’esperienza ospedaliera traumatica scelgono di vaccinarsi e cercano di convincere gli altri a fare altrettanto. Quando la malattia ancora non ti tocca, quando ti è sconosciuta la...

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...