24 C
Venezia
domenica 01 Agosto 2021

Dipendenti precari del Comune di Venezia, 119 a rischio licenziamento

HomeNotizie Venezia e MestreDipendenti precari del Comune di Venezia, 119 a rischio licenziamento

Dipendenti precari del Comune di Venezia, 76 a rischio licenziamento

Il posto di lavoro promesso ai 119 dipendenti precari del Comune di Venezia è stato l’argomento all’ordine del giorno affrontato a Ca’ Farsetti, dalla Commissione competente il Bilancio, durante una riunione movimentata e sostanzialmente poco costruttiva.

Alla presenza di una consistente rappresentanza sindacale e dell’Assessore Michele Zuin, i precari “ fra color che son sospesi” hanno capito che nessuna buona notizia, al momento, li riguardava. L’unica certezza rimane l’assunzione di 70 vigili urbani a tempo determinato. Anche per i 43 lavoratori part-time che da 3 anni attendono di essere assunti, nessuna nuova.

Con l’incubo della scadenza del contratto di lavoro a dicembre, 76 dipendenti con posizione a termine, che temono di essere licenziati, hanno chiesto rassicurazione e chiarezza, sostenuti dai consiglieri di opposizione Monica Sambo, Nicola Pellicani del Pd e Elena La Rocca del Movimento a cinque stelle.

Avrebbe dovuto partecipare ai lavori anche l’assessore al personale Paolo Romor e la sua assenza ha messo a disagio lo stesso Zuin, al quale è stato chiesto di bandire un nuovo bando per non far decadere a fine anno i dipendenti in bilico. Significativo il silenzio dei consiglieri di maggioranza.

Eppure le risorse economiche ci sono, lo ha confermato lo stesso Zuin: 8 milioni e 275mila euro sono le risorse per il personale per l’anno in corso e i due successivi, ma in assenza di una spiegazione su come e per chi saranno investiti i fondi, i Sindacati in rappresentanza di CGIL CISL UIL e Diccap denunciano una mancata chiarezza, nonché dimenticanze inconcepibili quali la necessità di assunzione di almeno 100 insegnanti di nidi e materne per garantire la qualità dell’approccio educativo.

I tempi e le logiche delle riassunzioni non sono dati a sapere , anche se, come ha affermato Maddalena Morino, dirigente del Direl, il sindacato dei dirigenti comunali, “alcuni servizi dipendono interamente dal personale a tempo determinato”.

La lunga vertenza che riguarda la precarietà, la qualità dei servizi ai cittadini e l’organizzazione del lavoro deve partire da un confronto non più rinviabile sui problemi che investono i rapporti fra amministrazione e lavoratori, che non possono vivere con la persistente preoccupazione di essere licenziati.

I sindacati promettono mobilitazioni e iniziative di sensibilizzazione con la popolazione.

Andreina Corso | 06/10/2016 | (Photo d’archive: Comune di Venezia, Cà Farsetti, Venezia) | [cod precove]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.