COMMENTA QUESTO FATTO
 

daisy lorenza di sepio marco barretta

Durante il Venezia Comix di quest’anno abbiamo avuto l’occasione di scambiare due parole con Marco Barretta e Lorenza Di Sepio, che ci hanno rivelato com’erano emozionati per l’uscita di Daisy, edito da Tunué, perché per loro sarebbe stata l’uscita di un’opera diversa dal loro solito stile di Simple & Madama, anche nei toni.
E devo dire che, dopo averlo letto, sono rimasta davvero colpita dalla capacità dei due autori di riuscire ad essere così versatili non solo nel disegno, più vicino al manga giapponese, ma anche nelle tematiche che in Daisy si fanno serie ed importanti.

Daisy è una bambina che vive con il padre scrittore. Un giorno, leggendo uno dei romanzi del padre, la giovane Daisy sprofonda tra le sue pagine diventando una nuova protagonista della storia. Per uscirne dovrà arrivare alla fine del libro, facendo lo stesso percorso dell’eroe al quale si è sostituita cadendo nella narrazione. Daisy, insieme agli altri personaggi della storia, si muoverà per raggiungere e sconfiggere la Regina Cattiva. Ma sarà veramente la cattiveria a muovere le azioni della Regina? Forse questa storia scritta da suo padre riserva alla bambina ancora tante sorprese.

Dimenticate lo stile pop vignettistico di Simple&Madama, perché Daisy è un’opera semplice, senza orpelli nella storia che ricalca lo schema più classico di eroe-ricerca-ricompensa, ma ha all’interno una complessità di tematiche che colpisce al cuore del lettore e lascia quel senso di spaesamento tipico delle storie ben scritte. Perché per arrivare a far riflettere su un argomento importante, non servono grandi paroloni, non servono strati e strati di plot, basta essere bravi come Lorenza e Marco e tutto riesce ad arrivare colpendo cuore, stomaco e mente.

In Daisy si parla di affidamento, divorzio e libero arbitrio e lo si fa introducendoci in un mondo fantastico che richiama le atmosfere del Mago di Oz (Daisy, invece delle scarpette rosse, ha due ciabatte a forma di coniglietto che interagiscono con la storia e richiamano lo stile pop con cui abbiamo conosciuto i due autori) inoltrandoci in una foresta dei sentimenti che vedranno la protagonista dover crescere velocemente, scoprire la verità e fare una scelta che potrebbe cambiare la sua intera esistenza.

Una lettura che nella sua semplicità, è in grado di farci cambiare prospettiva, di intrattenerci e di farci riflettere su un mondo di adulti che pretende di decidere la vita dei propri figli.

Sara Prian
Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 
Alice Bianco Sara Prian
Laureate in Tecniche Artistiche e dello spettacolo, sono grandi esperte di cinema e libri. Curano la rubrica di opere letterarie: recensioni editoriali, rassegne e nuove uscite. Sono Editor, Social Media Manager, Copywriter E' possibile contattarle a: pandorarecensioni.vdv@gmail.com

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here