lunedì 17 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Covid Veneto, il dottor Flor conferma: «Posti letto e rianimazioni ci sono e sono reali»

HomeCovid 19Covid Veneto, il dottor Flor conferma: «Posti letto e rianimazioni ci sono e sono reali»

«Siamo in grado di avere a disposizione posti letto sia in area non critica che in terapia intensiva, se necessario. L’andamento generale della pandemia in Veneto è costante. Nessun reparto è stato sacrificato». Replica così alle critiche e alle accuse di quanti sostengono che la situazione Covid regione “stia sfuggendo di mano” il neodirettore generale della sanità veneta Luciano Flor, dalla sede della protezione civile di Marghera.

Terapie intensive e apparecchiature

«Il dato di mortalità per Covid regionale nostro è allineato a quello di tutta l’Italia settentrionale. I dati di mortalità li pubblica quotidianamente il ministero e sono pubblici e non sono segreti. Ci sono periodi in cui la rianimazione ha un tasso più elevato, in alcuni territori e allora la pressione locale aumenta, ma non è un dato generale che riguarda tutti i reparti per ricoverati in condizioni critiche del Veneto. Abbiamo più di mille ventilatori e monitor negli ospedali. Sappiamo dove sono e sono reali. Ne stiamo utilizzando 700 nei letti di rianimazione, senza considerare i letti di subintensiva che sono pur dotati di monitoraggio e aspiratori e sono pronti a essere attrezzati con i tubi dell’ossigeno delle intensive in caso di necessità. Nell’ipotesi disastrosa di attivare 1000 posti di intensiva, ne abbiamo già qualche centinaio pronto in semintensiva dove ci sono tutti i macchinari. Ulteriori 110 -111 sono attivabili dalle sale operatorie, ma non serve chiudere tutto per averli. Ad oggi gestiamo 700 posti in rianimazione e qualche centinaio in subintensiva».

Personale

«Il personale, che se troviamo da assumerne lo prendiamo, in base al piano regionale, già depositato al ministero della Salute, se necessario dobbiamo ricavarlo dalla conversione di altre attività che sono in prevalenza sale operatorie – ha continuato Flor –  Il piano ci obbliga a riconvertire personale. In questo caso l’attività ospedaliera sarebbe ridotta al collasso, ma per arrivarci dovrebbe raddoppiare il numero dei malati attuale. Sorprende che qualcuno non sappia l’iter che abbiamo fatto per la preparazione del piano e consegnarlo. Le apparecchiature ci sono, sono fisicamente disponibili e presenti nei presidi».

I tamponi rapidi

La regione, per Flor, non solo non ha mai negato i numeri e ogni giorno rende conto dei tamponi che fa. I 20 mila molecolari giornalieri del Veneto sono refertati entro 24-36 ore. «Molti di quelli sono sprecati perché servono per validare i tamponi rapidi, che sono oltre 30 mila al giorno. La legge però quello prevede. Vero è che abbiamo una percentuale alta di positivi al tampone. Ma noi sui 3000 pazienti al giorno abbiamo la maggior parte rilevata ai tamponi rapidi. Non c’è alternativa ai tamponi rapidi. Qual è? Attendere per giorni i referti dei molecolari ed eliminare i rapidi? Siamo in grado di fare anche 20 mila tamponi molecolari al giorno, comunque, e non li fa quasi nessuno», ha continuato il dirigente.

«Le terapie intensive le gestiamo con una logica regionale, con un piano di posti letto regionale. Può capitare l’ondata per una provincia e ricoveriamo in un’altra sede. Verona sta allestendo nuovi posti. Stamattina alle 8 avevamo 50 posti letto di terapia intensiva vuoti e liberi, sui 698 in Veneto. Nessuno resta senza cura – ha concluso – tanto meno senza rianimazione».

Antonella Gasparini

 

 

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

“Venezia è ingorda di denaro. Sarebbe l’ora di un progetto sostenibile”. Lettere

Io vengo saltuariamente a Venezia dove possiedo un mini appartamento comperato 15 anni fa. Amo Venezia la sua storia i suoi scorci e la sua arte. Mi sono riconosciuto in essa essendo discendente da famiglia istro-veneta. Purtroppo negli ultimi anni Venezia...

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

Polmonite Bilaterale da Covid, ricoverata in rianimazione. Ha sette mesi

A sette mesi ha il Covid ed è ricoverata in rianimazione. Alla piccola viene assicurata la migliore assistenza possibile, per questo è stata trasferita dalla Calabria a Roma. La piccola ha soli sette mesi ed è ricoverata in terapia intensiva perché contagiata...

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...