7 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Covid, perché alcuni finiscono in rianimazione? Ecco la prima risposta

Homemorti per CovidCovid, perché alcuni finiscono in rianimazione? Ecco la prima risposta
la notizia dopo la pubblicità

Covid, perché alcuni finiscono in rianimazione? Perché alcuni non manifestano sintomi mentre altri – purtroppo – perdono la vita?
E’ forse il più grande mistero della malattia ma oggi gli scienziati potrebbero aver imboccato la strada giusta per svelarne i segreti in un futuro che speriamo vicino.
La gravità dei sintomi dipende dal dna da cui lo studio dell’università di Chieti: ecco la ricerca su genotipi e sui motivi per cui alcuni sviluppano tempesta citochinica.
La domanda di partenza: esiste un legame genetico che possa spiegare perché, su 10 positivi, solo uno sviluppa i sintomi più gravi, ovvero la cosiddetta tempesta citochinica finendo in rianimazione?
È quello che si sta cercando di capire nel laboratorio di genetica molecolare test covid-19 dell’università di Chieti con uno studio guidato dal direttore Liborio Stuppia, intervistato dall’agenzia Dire per fare il punto sulla situazione Covid in Abruzzo.
Ed è proprio sulle varianti che si sta conducendo la ricerca che, se dovesse trovare risposte positive, rappresenterebbe una vera e propria rivoluzione nell’approccio alla malattia e la cura sui pazienti positivi.

– È possibile che vi sia un legame tra il Dna e la possibilità di sviluppare sintomi più gravi della malattia?
“Ognuno di noi è diverso. Ci sono due cose che ora si stanno studiando. Una: quali sono i genotipi che proteggono o indeboliscono rispetto all’infezione; l’altra, su cui lavoriamo anche noi, è la suscettibilità individuale basata sulla variabilità genetica a sviluppare i sintomi.
Nel primo caso, per capirci, ci si chiede: se sono in una stanza con 10 persone perché 9 prendono il virus e io no?
Potrei avere un genotipo che mi protegge.
Nel secondo caso la domanda è questa: se siamo 10 positivi ricoverati in ospedale, perché solo io, tra questi, sviluppo la cosiddetta tempesta citochinica e finisco in rianimazione?
Lo studio noi lo stiamo portando avanti sulle varianti, quindi è ancora all’inizio, avendole conosciute da un paio di mesi.
Vogliamo capire se cambia il rischio di sviluppare sintomi gravi.
Quello che cerchiamo di capire è quindi questo: se ho 10 persone infettate, metà con la variante inglese e metà con quella tradizionale ci sono delle differenze genetiche nei pazienti?
Se di un positivo io potessi sapere che rischio ha di sviluppare la fase acuta e di finire in rianimazione, sarei in grado di distinguere i pazienti e questo sarebbe importantissimo nella lotta alla malattia”.

– A proposito di vaccino. Anche l’Abruzzo valuta la dose unica. Lei cosa ne pensa? Non è rischioso, visto la difficoltà di reperimento, rinunciare alle scorte per la seconda dose?
“Non sono un esperto del settore. Mi è sembrato come dire strano che si sia passati da un momento in cui si diceva di non fare l’errore di non tenere la seconda dose all’opposto.
Non siamo tutti biologicamente uguali. Posso farle un esempio.
Qui siamo una trentina di persone e abbiamo tutti ricevuto la prima dose. Su 30, in 29 hanno sviluppato gli anticorpi, tranne uno: il sottoscritto.
Se dicessi che va bene una sola vaccinazione potrei dire che per me non è stata sufficiente, ma se dovessi ragionare per gli altri e dunque vi fosse una variante statistica confermata che, come in questo caso, ci dicesse che solo 1 su 30 non sviluppa gli anticorpi con la prima dose, allora questo tipo di ragionamento ce lo potremmo permettere.
Le persone sono diverse per cui se il loro sviluppo fosse su 29 persone su 30, sarebbe un successone”.

(fonte: «Agenzia DIRE» )

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...
spot

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...
Advertisements

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

Sciopero Actv a Venezia: la gente “assalta” il motoscafo che fa finecorsa [video]

Qualcuno a bordo già lo sospettava: quel motoscafo era "anonimo", cioè senza cartello di linea. In più, ad ogni fermata precedente (Tre Archi, Madonna dell'Orto, ecc..), il marinaio ripeteva diligentemente "Solo Fondamente Nove", quindi assomigliava in tutto e per tutto ad...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Vaporetti Actv Venezia: torna la Linea 2 fino a Lido

Actv implementa più corse: Linea 2 adesso arriva fino a Lido e ci sono corse supplementari 5.1 2 5.2.