20.8 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Coronavirus Venezia, la seconda ondata si sta ritirando

HomeCoronavirus VeneziaCoronavirus Venezia, la seconda ondata si sta ritirando

Coronavirus Venezia e provincia, la seconda ondata da segni di regressione.
Il primo segno si può interpretare con il tasso di occupazione dei posti letto.
I ricoverati del Veneziano oggi sono 373, ieri erano 390.
In terapia intensiva ci sono 40 pazienti, ieri ce n’erano 43.
I nuovi casi scoperti con i tamponi in 24 ore sono 204, ieri erano stati 210.
Gli attualmente positivi secondo l’ultima rilevazione sono 8.430, ieri erano 8.853.
I decessi non depongono invece per una tregua del virus:

altri 25 morti nelle ultime 24 ore che vanno dalle 17 di giovedì alle 17 di venerdì.
Un numero ancora più che rilevante se si pensa che il “record” assoluto di decessi è di 31 (31 decessi da o con Covid il 3 gennaio), cioè solamente a 6 unità di distanza dalla cifra massima assoluta nella nostra provincia.
Gli osservatori interpretano i dati nella speranza che “il peggio sia alle spalle”, raccomandando però di non abbassare la guardia.
Tra Natale e Capodanno l’apice dell’aggressività del virus, complici gli shopping pre-natalizio e

la voglia di festeggiare.
Le limitazioni che sono partite a ridosso di Natale avrebbero invece cominciato a dare risultati che diventano apprezzabili oggi.
Sul fronte dei focolai localizzati emerge la diffusione del virus alla scuola San Pio x di Meolo.
19 oggi i positivi tra alunni e insegnanti con i contagi che interessano trasversalmente più classi.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.