20.4 C
Venezia
giovedì 05 Agosto 2021

Coronavirus Venezia: mai così tanti decessi in un giorno

HomeCoronavirus VeneziaCoronavirus Venezia: mai così tanti decessi in un giorno

Coronavirus Venezia: ogni giorno, quasi, un record (negativo) che batte il record precedente. Come quello di oggi: mai così tanti decessi in un giorno.
24 morti tra Venezia e provincia non si erano mai verificati in un giorno e, come ormai atteso, ci si avvicina ai 1000 morti complessivi proprio nei giorni di Natale.
Anche il resto del bollettino delle ultime 24 ore è tragico: 531 nuovi casi.
Numero che porta a 13.808 gli attualmente positivi, numero che ieri era 13.688 di casi attivi di virus.
I ricoverati nelle strutture del Veneziano sono oggi 574.
60 di loro sono in un letto di Terapia intensiva.
Tra i deceduti

il virus si è portato via un Vicebrigadiere della guardia di Finanza di 56 anni.
Calcedonio Gino Tricarico, veneziano di Mestre, in servizio alla stazione navale della Giudecca era stato ricoverato all’Ospedale dell’Angelo ma nemmeno il trasferimento in terapia intensiva lo ha salvato.
Il Corpo lo ha ricordato con un affettuoso saluto: “La Guardia di Finanza si stringe in un caloroso abbraccio alla famiglia. Ciao Calcedonio”.

(Rip.)
Coronavirus Venezia: ogni giorno, quasi, un record (negativo) che batte il record precedente. Come quello di oggi: mai così tanti decessi in un giorno.
24 morti tra Venezia e provincia non si erano mai verificati in un giorno e, come ormai atteso, ci si avvicina ai 1000 morti complessivi proprio nei giorni di Natale.
Anche il resto del bollettino delle ultime 24 ore è tragico: 531 nuovi casi.
Numero che porta a 13.808 gli attualmente positivi, numero che ieri era 13.688 di casi attivi di virus.
I ricoverati nelle strutture del Veneziano sono oggi 574.
60 di loro sono in un letto di Terapia intensiva.
Tra i deceduti

il virus si è portato via un Vicebrigadiere della guardia di Finanza di 56 anni.
Calcedonio Gino Tricarico, veneziano di Mestre, in servizio alla stazione navale della Giudecca era stato ricoverato all’Ospedale dell’Angelo ma nemmeno il trasferimento in terapia intensiva lo ha salvato.
Il Corpo lo ha ricordato con un affettuoso saluto: “La Guardia di Finanza si stringe in un caloroso abbraccio alla famiglia. Ciao Calcedonio”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Non sono d’accordo non è stata gestitamale
    male la seconda fase sono i veneti e in particolare i veneziani a cui faccio parte anch’io che non sono stati scrupolosi e rispettosi delle poche regole da seguire.
    Mai visto così tanta gente senza mascherina come in questaseconda fase.
    Andrea

  2. “Nessun sistema è riuscito a resistere come noi” ha detto Zaia. Ma di cosa stiamo parlando? La seconda ondata è stata gestita malissimo….e ancora ci vantiamo?

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.