20.8 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

HomeCoronavirus VeneziaCoronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente.
Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in un giorno (5 gennaio ultima volta) nel Veneziano.
Le ultime 24 ore di monitoraggio mostravano un più abbordabile +183 nuovi positivi a Venezia e provincia, anche se si obietta che c’è un minor numero di tamponi effettuati rispetto ai massimi.
Per la prima volta la nostra provincia

è scesa sotto i 10 mila attualmente positivi: oggi sono 9.751.
423 i posti letto occupati negli ospedali del Veneziano, di cui 49 nei reparti di Terapia intensiva.
I decessi sono invece ancora purtroppo ancora un numero notevole: 15 croci in 24 ore nel Veneziano.
E tra i deceduti si piange oggi un’altra persona molto conosciuta e stimata a Venezia, ancora relativamente giovane.

Paolo Longhin, 57 anni, era gestore del locale di Rialto conosciuta come “Latteria Popolare” ma che ultimamente era denominata “bottega del Baccalà Veneto a Rialto”.
Paolo, grande sportivo, era un ex rugbista, uomo dal grande fisico, era solo 57enne e senza alcun problema di salute.
Il suo negozio, originale ed apprezzato, nel Sotoportego dei do Mori di Rialto, gestito assieme ai figli, era diventato punto fisso di tante persone nei camminamenti per Venezia.
Assieme avevano affrontato l’acqua alta di novembre 2019,

il Covid, e in mezzo anche delle spaccate notturne di ladri sbandati in cerca di ruberie per Venezia.
Paolo Longhin aveva affrontato sempre tutto con la forza propria, del suo sorriso e tirandosi su le maniche senza indulgere in commiserazioni. Tutti quanti l’hanno conosciuto lo ricorderanno anche per questo.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.