giovedì 27 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

Coronavirus Venezia, riaperto e subito occupato il reparto Covid di Jesolo

HomeCovid 19Coronavirus Venezia, riaperto e subito occupato il reparto Covid di Jesolo
continua a leggere dopo la pubblicità

Coronavirus Venezia che, assieme alla provincia, registra altri 59 nuovi contagi. Gli attualmente positivi sono oggi 869 positivi quando ieri ne erano dichiarati 845 e domenica 752.
Registrato un decesso a Jesolo e sono sei i nuovi degenti solo all’Ospedale Civile di Venezia, con una consistente parte arrivata dal Fatebenefratelli.

All’Ospedale dell’Angelo di Mestre ci sono 15 persone ricoverate (3 in terapia intensiva).
Nel veneziano complessivamente i posti letto di terapia intensiva occupati sono oggi 23.

Sul fronte delle situazioni localizzate pare certo che nel reparto di Medicina del Padiglione Jona dell’Ospedale Civile di Venezia siano ormai una trentina le positività gran parte delle quali riguardano operatori sanitari (diversi i medici contagiati) con un rapporto molto alto di personale positivo rispetto ai pazienti.

La novità “di giornata” riguarda Villa Salus dove è risultata positiva una dipendente. La donna è asintomatica ed è stata individuata grazie ai controlli programmati sui dipendenti. Dopo la scoperta la direzione ha disposto controlli per dipendenti e degenti i cui referti arriveranno nelle prossime ore, nel frattempo vietate le visite.

L’altra novità che non fa ben sperare è la riapertura il reparto Covid dell’Ospedale di Jesolo. La sezione era stata chiusa a giugno di quest’anno con una semplice cerimonia per festeggiare l’assenza di pazienti ricoverati. A settembre, però, era arrivato l’ordine di ripristinare letti e dispositivi perché tutto fosse pronto in caso di bisogno. Ieri i primi ricoveri:
quattro persone sono state subito lì ospedalizzate con protocollo di isolamento per malattie infettive.

L’ospedale Fatebenefratelli, nel sestiere di Cannaregio, sta tenendo sotto controllo un piccolo focolaio scoppiato al suo interno. Nulla traspare dalla struttura e su questo alcuni parenti si sono lamentati avendo scoperto della positività del proprio congiunto non all’arrivo del tampone positivo ma solo successivamente. Al momento si parla di 13 ospiti e 5 operatori positivi. Tre gli anziani che sarebbero già stati trasferiti all’Ospedale Civile.

Al Centro don Vecchi 3 di Marghera allerta alta dopo che due residenti, risultate positive, sono state ricoverate.
Il centro è composto da una cinquantina di appartamenti: gli anziani sono stati invitati a chiudersi in casa.

Positività nelle scuole.
Ai casi già noti in quanto emersi nei giorni scorsi si aggiunge da ieri la positività di uno studente all’istituto Zuccante che ha portato alla sospensione della didattica nella classe. All’arrivo dei risultati dei tamponi si capirà se si potranno riprendere le lezioni in presenza.

Intanto si registrano tre nuovi casi sospetti di studenti in un istituto di San Donà. La classe è a casa in regime cautelativo fino all’arrivo dei test.

Al Foscarini di Venezia viene riferito della sospensione delle lezioni di una classe. Immediatamente scattati i protocolli, nelle prossime ore si capirà se si è trattato di un caso reale e circoscritto.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Scavi nella laguna di Venezia: le posizioni contrapposte

Scavi nella laguna di Venezia: posizioni contrapposte fra Ambientalisti e Corila. Ma alla fine della diatriba l’ultima parola l’avrà il VAS (valutazione d’impatto ambientale) che sugli scavi in laguna ha già espresso e motivato il suo giudizio negativo che collima e...

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...