lunedì 17 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Coronavirus: negli USA nuovo record di casi. Trump: “Va tutto bene”

HomeCoronavirusCoronavirus: negli USA nuovo record di casi. Trump: "Va tutto bene"

guerra usa iran trump 030120

Coronavirus spinge e ora anche lui mette la mascherina, anche se poi annuncia: “Stiamo gestendo la crisi, stiamo mettendo la situazione sotto controllo, andra’ tutto bene”.

Donald Trump si presenta in sala stampa alla Casa Bianca e sdrammatizza la nuova ondata di coronavirus in Usa, trascinato dall’entusiasmo per l’economia americana che “torna a ruggire”, con numeri “record” per Wall Street e i nuovi posti di lavoro.

“Alcune aree che erano state colpite duramente stanno facendo ora molto bene, altre che stavano facendo molto bene vedono ora divampare i contagi ma stiamo spegnendo le fiamme”, rassicura, sostenendo che gli Usa hanno fatto meglio di Europa e Cina.

“Il virus sparirà”, ha garantito in una intervista alla Fox, dove ha fatto anche una apparente marcia indietro sulla mascherina che non usa mai: “Nessun problema, una volta ne ho indossata una nera, sembravo il Cavaliere solitario, e la indosserei se fossi in un gruppo senza distanziamento sociale ma io sono sempre testato, come chi mi incontra”.

Pero’ si e’ detto scettico sulla necessita’ di renderla obbligatoria a livello nazionale. “Non ce n’e’ bisogno”, ha confermato il suo vice Mike Pence, spiegando che la linea dell’amministrazione resta quella di lasciare la decisione ai singoli stati.

Ma la realta’ appare molto piu’ preoccupante di come la dipinge il tycoon. Nelle ultime due settimane i contagi in Usa sono aumentati di quasi l’80% e nelle ultime 24 ore hanno superato per la prima volta i 50 mila casi (52.982 per l’esattezza), sfiorando un totale di 2,7 milioni di malati.

Secondo Anthony Fauci, il noto immunologo della task force della Casa Bianca contro il covid-19, potrebbero essercene 100 mila al giorno se si continua a non rispettare le linee guida degli esperti.

Dati record di nuovi casi si registrano anche in singoli Stati, come la Florida (oltre 10 mila), il Texas, la California, l’Arizona.

Ma la tendenza all’incremento riguarda ben 37 Stati, solo in due c’e’ un calo mentre in altri 11 l’andamento e’ piatto.

I decessi complessivi sono oltre 128 mila, anche se la mortalita’ si e’ ridotta, forse perche’ si ammalano persone piu’ giovani – e quindi piu’ forti – o il sistema sanitario e’ piu’ attrezzato.

I timori piu’ forti ora sono legati al 4 luglio, la festa per l’Independence day, che potrebbe diventare un detonatore di nuovi focolai. Per questo le autorita’ sanitarie hanno invitato la gente a stare a casa, evitate gite, feste, assembramenti per i tradizionali fuochi d’artificio.

Come quelli cui assistera’ Trump sul Mall della capitale, dove sono attese alcune centinaia di migliaia di persone, e il giorno prima davanti al monumento ai quattro ex presidenti sul monte Rushmore.

Alcuni Stati hanno cominciato a fare marcia indietro reintroducendo alcune restrizioni. La California, per esempio, ha messo in lockdown 19 delle sue 58 contee, compresa quella di Los Angeles, e ha ordinato a bar e ristoranti di chiudere le loro attività all’interno e a servire i clienti solo all’esterno.
Si sta valutando anche l’ipotesi di sospendere i tradizionali spettacoli pirotecnici. New York invece rallenta la sua riapertura.

Joe Biden intanto cavalca il fallimento del tycoon: “quante volte gli americani devono pagare il costo dei fallimenti di Donald Trump? Per il fatto che Trump non fa la parte piu’ elementare del suo lavoro, gli Usa ora sono visti come un rischio alla salute mondiale. Ora l’America e’ prima per contagi e morti, e la Ue ha deciso di vietare agli americani di viaggiare li’ mentre l’Europa riapre”.

Se l’America di Trump detiene questo triste primato mondiale, il Brasile del suo amico e ammiratore Jair Bolsonaro e’ al secondo posto con oltre 60 mila morti e 1.448.753 casi, di cui oltre 46 mila nelle ultime 24 ore.

I contagi sono in aumento anche in diversi altri Paesi, tra cui la Russia (6.760 nelle ultime 24 ore), il Pakistan (4.339), l’Iran (2.652), la Turchia (1186) e Israele (circa 1000).

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

“So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Lettere

In risposta alla letterea: "Go fato ben a andar via (da Venezia) chea volta e no me dispiaxe proprio”. So venexian de aqua... nato nei anni cinquanta... abito in campagna a Mestre... sì, Mestre per i venexiani... se campagna... anca Mian e...

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Capodanno 2022 a Venezia e divieti: feste private con balli fino al mattino

“La serata continuerà fino alle 4:00”, “festa open bar dopocena”, “Dj set dance, revival, house”: con questi e altri slogan vengono pubblicizzati i vari party di Capodanno in programma nei palazzi e negli hotel di Venezia. Nonostante la “stretta” del Governo che...