Coronavirus nel veneziano sotto controllo. “Solo” due nuovi casi e un decesso

ultimo aggiornamento: 10/06/2020 ore 10:20

1230

Coronavirus veneziano: 4 decessi. Morto pescatore chioggiotto, aveva 67 anni

Coronavirus che nel veneziano riflette il quadro generale. Un quadro in costante miglioramento da cui emergono sporadicamente numeri che tendono ad affiorare ma, ritenuti a tutti i livelli, “sotto controllo”.

Venezia e provincia registrano un nuovo decesso di cui non sono state rese note le generalità ma, al tempo stesso, specificando che non si trattava di una persona ‘ospedalizzata’. Definizione che verosimilmente sta ad indicare che l’ exitus nefasto non è avvenuto al termine di una degenza ospedaliera ma con tutta probabilità all’interno di una casa di riposo.

Nel veneziano si registrano due nuovi casi ma i posti letto dei due centri veneziani di riferimento, l’Ospedale di Dolo e l’Ospedale Villa Salus di Mestre, continuano a svuotarsi grazie a lente ma costanti dimissioni.

Dati di livello regionale.
Le regioni che hanno oltre mille casi “attualmente positivi” sono:

19.499 in Lombardia (-354)
4.167 in Piemonte (-202)
2.697 nel Lazio (-13)
2.416 in Emilia-Romagna (-96)
1.195 nelle Marche (-98)
1.164 in Veneto (-65)
(dati della Protezione Civile di sabato sera ore 18)

A livello nazionale i casi continuano a crescere ma in maniera ‘più contenuta’.
E’ di 234.801 il numero complessivo dei contagiati, con un incremento rispetto a ieri di 270 casi, quando si era registrata una crescita di 518. Il dato comprende attualmente positivi, vittime e guariti.
(dati Protezione Civile sabato 6 giugno ore 18)

 
 
I NUMERI DEL VENEZIANO

Casi positivi totali dall’inizio della pandemia a Venezia e provincia: 2666 ieri, 2668 oggi
Casi positivi totali dall’inizio della pandemia a Venezia e provincia in più o in meno rispetto al giorno precedente: +2

Casi attualmente positivi a Venezia e provincia: 113 ieri, 105 oggi
Casi attualmente positivi a Venezia e provincia in più o in meno rispetto al giorno precedente: -8

Deceduti totali a Venezia e provincia: 291 ieri, 292 oggi
Deceduti totali a Venezia e provincia in più o in meno rispetto al giorno precedente: +1

Guariti totali (negativizzati virologici*) a Venezia e provincia: 2263 ieri, 2271 oggi
Guariti totali a Venezia e provincia in più o in meno rispetto al giorno precedente: +8

Casi attuali in isolamento domiciliare a Venezia e provincia: 162 ieri, 145 oggi
Casi attuali in isolamento domiciliare a Venezia e provincia in più o in meno rispetto al giorno precedente: -17

 
 
DECEDUTI NEL VENEZIANO

Una persona è deceduta sabato. Si tratta di un decesso definito “extra-ospedaliero”.

 
 
RICOVERI NEL VENEZIANO

Ospedale di Dolo
Ricoverati in reparti non intensivi: 6
Ricoverati in reparti non intensivi in più o in meno rispetto al giorno precedente: -2
Ricoverati in reparti di malattia intensiva: 0
Ricoverati in reparti di malattia intensiva in più o in meno rispetto al giorno precedente: 0
Deceduti: 115
Deceduti in più o in meno rispetto al giorno precedente: +1
Dimessi: 140
Dimessi in più o in meno rispetto al giorno precedente: 0

Ospedale Villa Salus Mestre
Ricoverati in reparti non intensivi: 9
Ricoverati in reparti non intensivi in più o in meno rispetto al giorno precedente: -5
Deceduti: 15
Deceduti in più o in meno rispetto al giorno precedente: 0
Dimessi: 126
Dimessi in più o in meno rispetto al giorno precedente: +5

(*) Secondo la definizione dell’epidemiologo Pierluigi Lopalco, docente di Igiene all’università di Pisa, è ipotizzato che il Sars-Cov2 si comporti come gli altri virus e dunque un soggetto che sia stato infettato rimanga, una volta guarito, in qualche modo protetto sviluppando una forma di immunità. Sui tempi di durata dell’immunizzazione, al momento, non vi è certezza scientifica. Il virologo Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario dell’Istituto Galeazzi di Milano, ha spiegato che alcune patologie infettive danno immunità a vita, altre, come la Sars, hanno una copertura di circa un anno.
(**) Dal 17 aprile la Regione del Veneto comunica un solo aggiornamento quotidiano anziché due come in precedenza. Dal 28 aprile i bollettini tornano ad essere due, uno delle 8 del mattino e uno delle 17. Ciò potrebbe causare modeste discrepanze a causa del confronto con altre notizie più o meno aggiornate.
Dall’8 maggio il report di Azienda Zero modifica la sua conformazione. Al fine di non generare confusione nei lettori si preferisce sospendere da questa data la voce dei ‘negativizzati ricoverati’.
Dalla stessa data alcuni flussi risultano ‘riconteggiati’ quindi non più coerenti con lo storico precedente. In questa sede si preferisce mantenere i totali con logica autonoma, integrandoli con i dati singoli ufficiali che vengono forniti quotidianamente.
Dai primi di maggio è stato notato il crollo statistico delle persone ricoverate, ciò è avvenuto per un cambio del conteggio deciso dall’Autorità Sanitaria. Da quella data, infatti, vengono sommate solo le ‘attualmente positive’. Se una persona ricoverata con il virus, ad esempio, oggi viene trasferita in rianimazione per difficoltà respiratorie ma nel frattempo il suo tampone è tornato negativo non figurerà nei conteggi dei ricoverati.
Il giorno 30/05/2020, con le ultime dimissioni, viene chiusa la sezione Covid dell’Ospedale di Jesolo. Da tale data, pertanto, il suo report è azzerato.
(***) Il bollettino di riferimento è di sabato 6 giugno ore 17.

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here