Coronavirus di nuovo in salita. A Genova mascherine anche per strada

ultimo aggiornamento: 25/09/2020 ore 07:40

276

Mascherine da 50 centesimi, sold out già lunedì

Coronavirus di nuovo in salita secondo i dati diffusi dal ministero della Salute. Nelle ultime 24 ore è stato registrato un incremento di 1.786 casi, numero che comporta un +146 rispetto a ieri.
Molto alto anche il numero dei tamponi effettuati: 108.019.

Gli attualmente positivi in Italia sono oggi 46.780, 666 in più di ieri.
Il bollettino giornaliero del ministero della Salute conferma inoltre la crescita costante dei ricoverati.


Nei reparti ordinari oggi sono 2.731 i posti letto occupati, numero che rappresenta un +127 rispetto a mercoledì.
Crescono anche i pazienti in terapia intensiva di 2 unità rispetto a ieri, per un totale oggi di 246 persone in rianimazione.
I soggetti in isolamento domiciliare ora sono 43.803, con un incremento di 591 nelle ultime 24 ore.

E c’è molta apprensione per la decisione di Genova di prescrivere la mascherina anche nei “carruggi”.
Il cuore di Genova, quei vicoli che compongono il centro storico patrimonio dell’Unesco e rappresentano una delle zone caratteristiche della città, si mette da oggi la mascherina h24 e ubbidisce alla ordinanza firmata dal suo sindaco che, memore di un provvedimento analogo firmato durante il boom della pandemia per tutta la città, ha deciso di prendere provvedimenti per cercare di arginare il focolaio di contagio che da qualche giorno interessa soprattutto le comunità straniere del centro storico.

All’ora di pranzo – momento in cui i carruggi si popolano di turisti e residenti – la quasi totalità delle persone aveva quella che viene ritenuta la prima arma anticontagio.
Nei vicoli si avverte ancor di più la presenza delle forze dell’ordine.
Alcune pattuglie della Municipale composte da tre agenti – due uomini e un agente donna – hanno percorso il quadrilatero che contiene i vicoli più frequentati come San Luca e via Prè osservando e ‘consigliando’ di indossare la mascherina a chi non l’aveva.


A Genova alcune persone, soprattutto turisti stranieri e studenti, non la indossavano e a loro la Municipale si è rivolta con grande cortesia ‘invitando’ a metterla correttamente.

E’ il ‘giorno della tolleranza’: l’ordinanza sindacale è stata firmata ieri quindi, anche se non ufficialmente, è buona norma dare il tempo alle persone di adeguarsi ma da domani partiranno le multe.

Chi non ha la mascherina, chi l’ha male indossata, chi la tiene come sottomento o a ‘difesa’ del proprio gomito verrà multato.
E saranno multe salate, si parte da 400 euro.
Multe anche per i gestori dei negozi sorpresi senza mascherina.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here